in

Alfa Romeo B-SUV, Ferrari BR20: le migliori news della settimana

Ecco le migliori news della settimana

Bentornati su ClubAlfa.it con un nuovo appuntamento della nostra rubrica domenicale dedicata alle migliori news della settimana che si avvia alla conclusione. In questi ultimi sette giorni abbiamo registrato un gran numero di news legate al mondo Alfa Romeo e, più in generale, all’intero settore delle quattro ruote italiano. Di seguito andremo ad analizzare quali sono state le migliori news di questi giorni.

Per quanto riguarda Alfa Romeo, in particolare, registrato nuove dichiarazioni del CEO Imparato che ha confermato la realizzazione del B-SUV come nuovo modello per il futuro del brand. Imparato ha parlato, nel dettaglio, delle strategie future che Alfa Romeo intende seguire per raggiungere i suoi obiettivi di crescita sul lungo termine.

Tra le news di Alfa Romeo si segnalano nuove notizie legati ai dati di vendita del marchio che continua a registrare risultati negativi in Europa e non solo. Da segnalare l’arrivo di nuovi stop per la produzione a Cassino legati alla crisi dei chip che sta creando non pochi problemi al brand italiano in questi mesi.

Ferrari, intanto, ha svelato la nuova one-off Ferrari BR20. Il progetto deriva dalla GTC3Lusso e può contare sul motore V12. Si tratta di un modello esclusivo che propone linee molto particolari che richiamano alcuni progetti del passato. Da notare, intanto, anche l’arrivo di nuovi video spia del futuro Ferrari Purosangue, sempre più vicino al debutto ufficiale.

Fiat continua a lavorare a nuovi progetti. Il brand sta valutando la realizzazione di alcuni modelli per l’Europa, come la nuova Punto e il B-SUV, mentre continua ad innovare la gamma sudamericana registrando il successo del Pulse e continuando a testare il nuovo Fastweb in arrivo il prossimo anno secondo gli ultimi rumors.

Da notare, inoltre, che in questi giorni Lancia ha confermato il suo piano futuro. Pur senza entrare nei dettagli, infatti, il brand ha ribadito che arriveranno tre nuovi modelli nel corso dei prossimi anni per rilanciare il marchio. Stellantis, intanto, continua a fare i conti con la crisi dei chip che sta rallentando notevolmente la produzione.

Prima di procedere oltre, vi ricordiamo di seguirci anche sui nostri canali social per continuare ad essere sempre aggiornati in tempo reale sulle novità di Alfa Romeo e su tutti i marchi del gruppo Stellantis. Trovate le news di ClubAlfa.it su Facebook Twitter e sul nostro canale Telegram.  Potete seguirci anche su Instagram con il nostro account ufficiale che offre ogni giorno immagini nuove a tema Alfa Romeo. È possibile seguire le news di ClubAlfa.it anche su Filpboard, sia in versione web che tramite app dedicata.

Ricordiamo che le news di ClubAlfa.it sono disponibili anche tramite Google News, l’applicazione di Google per dispositivi Android, iPhone, iPad e web. Per essere certi di seguire tutti gli aggiornamenti quotidiani pubblicati dal sito, cliccate sul link qui di sopra e, dopo aver effettuato il login con il vostro account Google, cliccate sulla stella del tasto “Segui”.

Alfa Romeo

Questa settimana, il CEO di Alfa Romeo, Jean-Philippe Imparato, è tornato a parlare del futuro del marchio italiano, anticipando nuovi dettagli in merito al piano industriale (già approvato) che caratterizzerà il futuro del marchio italiano. Imparato punta a sfidare MINI nel segmento delle compatte premium con nuovi progetti in arrivo di incrementare le vendite.

Il manager ha confermato l’interesse di lanciare un nuovo SUV di segmento B in grado di portare il marchio Alfa Romeo in uno dei principali segmenti di mercato in Europa. In questo modo, Alfa Romeo potrà iniziare a generare i volumi di vendita di cui ha bisogno per rilanciarsi sul mercato nel corso dei prossimi anni.

Il progetto del nuovo Alfa Romeo B-SUV è praticamente confermato (anche se non ancora ufficiale). Resta da capire però quale sarà il nome del nuovo modello. Secondo le ultime indiscrezioni, l’ipotesi più accreditata, al momento, resta quella della denominazione Alfa Romeo Brennero, al centro già da diversi mesi di indiscrezioni e rumors. Un annuncio ufficiale, al momento, non è ancora arrivato.  Da notare che la conferma del progetto del B-SUV dovrebbe allontanare la possibilità di un debutto di una nuova MiTo. 

jean-philippe_imparato_alfa_romeo_brand_ceo

Tra i progetti futuri ci sarà anche la Giulia di nuova generazione. Imparato ha confermato che per modelli come la Giulia c’è posto anche in futuro ma le cose cambieranno dal punto di vista tecnico. La nuova evoluzione della berlina, infatti, sarà un modello elettrico al 100%. Resta da capire, invece, se, con il ritorno della Giulia, Alfa Romeo farà posto anche alla Giulietta oppure concentrerà gli investimenti sulla gamma SUV.

Passiamo ora ai dati di vendita. In questi giorni abbiamo analizzato i dati di vendita di Alfa Romeo in Europa ad ottobre. Il marchio italiano è stato protagonista di un mese di ottobre davvero molto negativo con vendite in netto calo rispetto ai dati dello scorso anno. La crisi del brand continua ed i numeri registrati, in termini di calo percentuale, sono sensibilmente inferiori rispetto all’andamento generalmente del mercato delle quattro ruote continentale. Da segnalare, inoltre, che Alfa Romeo deve fare i conti anche con un calo delle vendite in Giappone che arriva dopo diversi mesi in cui il marchio aveva fatto segnare risultati soddisfacenti.

Il presente di Alfa Romeo continua ad essere caratterizzato da frequenti stop per la produzione. Le attività produttive per Giulia e Stelvio, infatti, si fermano molto spesso a causa della crisi dei chip. Questa settimana, ad esempio, sono stati registrati due giorni di stop a Cassino a causa della carenza di materiali per completare la produzione. La prossima settimana, inoltre, è già previsto un giorno di stop.

"<yoastmark

Nel frattempo, Alfa Romeo è costretta ad un richiamo per l’Alfa Romeo Giulia negli USA. La berlina della casa italiana, infatti, dovrà intervenire per risolvere i problemi legati al montaggio degli pneumatici di alcune unità di Giulia distribuite sul mercato americano. Il problema è comunque limitato e riguarda un numero non eccessivo di esemplari.

Segnaliamo, inoltre, che è in vendita presso Ruote da Sogno un raro esemplare di Alfa Romeo Giulietta Turbodelta del 1983. Si tratta di un modello prodotto in appena 361 esemplari e dotato di un motore 4 cilindri 2.0 bialbero sovralimentato. esemplare in vendita è conservato in ottime condizioni.

Vediamo anche un interessante approfondimento dedicato ai modelli Alfa Romeo che hanno fatto la storia del cinema. Alcuni progetti della casa italiana, infatti, sono stati protagonisti assoluti sul grande schermo ed hanno contribuito al successo di film molto importanti.

Per quanto riguarda la Formula 1, invece, Alfa Romeo Racing si prepara a dire addio a Giovinazzi. Il pilota italiano, dopo le polemiche legate ai risultati delle ultime gare, dovrebbe lasciare il team (con il concreto rischio di ritrovarsi senza una vettura per il prossimo anno in Formula 1. A sostituire Giovanizzi dovrebbe arrivare il cinese Zhou che può contare su diversi sponsor che supportano la sua candidatura.

Fiat

Tra le principali novità in arrivo nel 2022 per Fiat ci sarà anche una nuova versione della Fiat Tipo. La famiglia di segmento C del marchio italiano, infatti, si prepara a registrare il debutto della nuova Fiat Tipo Station Wagon in versione Cross, un modello che andrà ad affiancarsi alla Tipo Cross derivata dalla 5 Porte. Il progetto è stato avvistato, per la prima volta, in una serie di nuove foto spia:

Il futuro della gamma Fiat dovrebbe registrare il ritorno di una nuova Fiat Punto da sviluppare partendo dalla piattaforma CMP. Il nuovo modello potrebbe garantire al marchio italiano un vero e proprio salto di qualità con la possibilità di registrare un deciso incremento delle vendite in tutta Europa grazie ad un nuovo modello di segmento B.

Tra i modelli in arrivo per il futuro della gamma Fiat ci sarà anche un B-SUV. Il progetto è in fase di sviluppo e dovrebbe essere realizzato nello stabilimento di Tychy, sfruttando la piattaforma CMP. Ecco tutto quello che sappiamo sul nuovo B-SUV di Fiat in attesa del debutto che dovrebbe avvenire nel corso del 2023.

Fiat continua il programma di rinnovamento della sua gamma sudamericana. In questi giorni sono emersi i primi dettagli della Fiat Argo Trekking restyling, l’aggiornamento in arrivo per la city car nel corso del prossimo anno. Da notare, intanto, che Fiat continua a testare i prototipi del futuro Fiat Fastback. Il futuro SUV Coupé del marchio italiano, infatti, è stato catturato in questi giorni in alcune foto spia in attesa del debutto in programma, probabilmente, nel 2022. Ecco le foto spia:

Nel frattempo, continua il successo del nuovo Fiat Pulse. Il SUV compatto della casa italiana sta registrando un record di prenotazioni per il mercato brasiliano confermando la bontà del progetto presentato nei mesi scorsi dal brand e pronto a conquistare la clientela sudamericana in cerca di un modello che mancava dalla gamma Fiat.

Ferrari

Questa settimana, Ferrari ha svelato in via ufficiale la nuova Ferrari BR20. Si tratta di un’esclusiva one-off realizzata a partire dalla GTC4Lusso e caratterizzata da soluzioni caratteristiche sia per quanto riguarda il design, con un’impostazione da fastback ed alcuni richiami ai modelli degli anni 50 e 60 di Ferrari, che per quanto riguarda il comparto tecnico con l’iconico V12 da 690 CV di potenza e 697 Nm di coppia motrice in grado di garantire uno 0-100 km/h di 3.4 secondi. 

Ferrari continua lo sviluppo del nuovo Ferrari Purosangue. Il SUV della casa di Maranello, infatti, in questi giorni è stato avvistato in un nuovo video spia, allegato di seguito, durante un test in strada svolto in Germania. Il nuovo modello di Ferrari dovrebbe essere proposto in due varianti, una con motore V12 ed una con il nuovo sistema ibrido con motore V6 già visto con la 296 GTB. Ecco il video spia:

Jeep

Una delle principali novità del futuro di Jeep è rappresentata dal futuro B-SUV, nuovo entry level della gamma del marchio americano che verrà realizzato nello stabilimento di Tychy. Il debutto è atteso per fine 2022. Ecco tutto quello che sappiamo sul nuovo SUV di casa Jeep in attesa dell’annuncio ufficiale.

Da segnalare che, grazie alle novità arrivate sul mercato in questi mesi, Jeep ha vinto il premio Best SUV Lineup assegnato da Newsweek. Il magazine ha premiato anche la nuova Grand Cherokee L come Best Family SUV ed ha assegnato riconoscimenti anche alle novità più recenti della gamma come le nuove Wagoneer e Grand Wagoneer.

Jeep Grand Wagoneer 2022 Best Luxury SUV

Stellantis

Tra i principali progetti per il futuro di Stellantis c’è il programma di rinascita del marchio Lancia. Il brand, dopo anni caratterizzati dalla totale assenza di investimenti, si prepara ad entrare in una nuova fase. Nel corso di un’intervista rilasciata in questi giorni ai media, il CEO Napolitano ha chiarito quelli che saranno i passi del nuovo programma di Lancia.

Il brand italiano sta già lavorando ad una nuova generazione di Lancia Ypsilon, modello che sarà il primo ad arrivare tra quelli previsti dal nuovo piano industriale. Successivamente, il brand punterà sul segmento dei SUV con il debutto di un modello inedito che potrebbe riportare sul mercato il nome di Aurelia. A completare la gamma, inoltre, ci sarà la nuova generazione di Lancia Delta che sarà completamente elettrica.

Naturalmente, il ritorno di Lancia comporterà la ripresa delle vendite al di fuori dell’Italia. Il brand tornerà in Europa con una nuova strategia, sfruttando i canali online e concentrando gli investimenti in alcuni punti strategici. Il ritorno sul mercato europeo arriverà in occasione del lancio della nuova Lancia Ypsilon a partire dal 2024. Il ritorno di Lancia all’estero ed il preannunciato rinnovamento della gamma ha già attirato le attenzioni di collezionisti e appassionati del marchio. 

Stellantis deve fare i conti con i problemi dei suoi stabilimenti italiani. Tra crisi dei chip, ritardo dei modelli, vendite inferiori alle attese e programmi non chiari, le situazioni difficili sono diverse. Secondo gli ultimi aggiornamenti, la situazione nello stabilimento di Melfi sta peggiorando. Tutti i dettagli sulla questione sono riportati in quest’articolo. 

Da segnalare anche i problemi per lo stabilimento Sevel. La fabbrica dove vengono realizzati i veicoli commerciali del gruppo ha registrato un netto taglio della produzione, a causa della crisi dei chip. Il taglio si traduce anche in un massiccio ricorso alla cassa integrazione per le prossime settimane. Da notare anche stop per la produzione di Alfa Romeo a Cassino. 

Per conquistare i clienti in futuro, Stellantis punterà sull’effetto nostalgia. Il gruppo ha intenzione di continuare ad investire per nuovi modelli con la possibilità di effettuare costanti richiami alla storia dei singoli marchi per provare a catturare nuovi clienti e incrementare ancora di più i volumi di vendita.

Questa settimana, inoltre, è arrivato l’annuncio del cambio di nome per la divisione retail di Stellantis. Stando a quanto confermato dall’azienda, la divisione assume ora la denominazione di Stellantis & You, Sales and Service. Il cambio di nome è solo il primo passo di una lunga serie di novità in arrivo nel corso del prossimo futuro.

Continuano a crescere le vendite di Stellantis in Sud America. Il gruppo, infatti, sta rafforzando la sua presenza sul mercato delle quattro ruote sudamericano. Gli ultimi dati di vendita di ottobre confermano che Stellantis è leader del mercato del Sud America con ampio margine rispetto alle dirette concorrenti.

Nonostante gli ottimi dati ed il rafforzamento della leadership, Stellantis deve fare i conti con gli effetti della crisi dei chip anche in Sud America. In uno dei suoi stabilimenti, infatti, la produzione è inferiore di oltre 100 mila unità rispetto ai dati dello scorso anno. Per il futuro, il gruppo dovrà trovare delle soluzioni al problema delle forniture anche in Sud America.

Stellantis continua a sviluppare nuove soluzioni per il futuro. In questi giorni sono emerse nuove informazioni in merito ad un progetto in sviluppo con HAAS Alert. Tale progetto punta a creare un sistema in grado di fornire avvisi di sicurezza direttamente ai veicoli. Quest’iniziativa di Stellantis potrebbe rappresentare un importante progetto per massimizzare la sicurezza sulle strade americane.

Sempre per quanto riguarda gli USA, Stellantis sembra aver finalmente trovato un modo per risolvere il problema dei cattivi odori provenienti dallo stabilimento di Detroit. Dopo tante segnalazioni da parte degli abitanti e la minaccia di multe e sanzioni, il gruppo sembra aver risolto il problema con l’avvio dell’installazione di nuovi condotti e attrezzature specifiche che dovrebbero garantire un corretto funzionamento dell’impianto.

Nel frattempo, è stato confermato un taglio di circa 400 posti di lavoro per uno stabilimento americano di Stellantis. Il gruppo, quindi, continua a ridurre la sua forza lavoro seguendo una procedura molto simile a quanto sta avvenendo in Europa ed in particolare in Italia già da alcuni mesi.

Con questa news termina la nostra rubrica domenicale relativa alle migliori news della settimana. Il prossimo appuntamento è fissato per domenica 21 novembre. Vi ricordiamo di continuare a seguirci in questi giorni, sia dal sito che dai nostri canali social (trovate tutti i link utili ad inizio articolo), per tutti gli aggiornamenti sul mondo delle quattro ruote italiano.

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento