in

Stellantis: effetto nostaglia per abituare i clienti alle novità

L’effetto nostalgia è la strategia scelta dal gruppo Stellantis per far digerire meglio ai suoi clienti il passaggio all’elettrico

Nei prossimi anni le gamme delle case automobilistiche che fanno parte del gruppo Stellantis subiranno numerose modifiche. Il nuovo piano industriale del gruppo automobilistico di Carlos Tavares sarà svelato agli inizi del prossimo anno, come anticipato nei giorni scorsi dal dirigente di Stellantis, Richard Palmer. Le novità attese saranno tante, sia in termini di nuovi modelli che di tecnologia.

Stellantis: effetto nostalgia per far digerire le tante novità ai suoi clienti

In particolare quello che rivoluzionerà completamente le gamme dei 14 marchi presenti all’interno del gruppo Stellantis è l’introduzione in maniera piuttosto prepotente delle auto completamente elettriche. Come più volte ha detto Carlos Tavares non si tratta di una scelta volontaria ma di qualcosa di imposto dall’alto.

In special modo in Unione Europea sarà sempre più difficile nei prossimi anni vendere auto con motori a combustione e dunque le case automobilistiche per forza di cose dovranno rivoluzionare le proprie gamme per poter continuare ad andare avanti.

Nuova Opel Manta
Nuova Opel Manta

Ovviamente le notizie di queste autentiche rivoluzioni stanno destabilizzando i clienti delle varie case automobilistiche. Molti infatti non digeriscono il passaggio all’elettrico e stanno manifestando sui vari blog e nei commenti sotto agli articoli il loro malcontento. Molto probabilmente anche per questo il gruppo Stellantis ha preso la decisione di puntare sul cosiddetto “effetto nostalgia”.

Per far digerire le molteplici novità che nei prossimi anni arriveranno e probabilmente anche per dare qualche rassicurazione in più all’acquirente preoccupato, Stellantis ha deciso di rispolverare alcuni nomi “iconici” che hanno fatto la storia dei suoi marchi, Nelle ultime settimane gli effetti di questa strategia si stanno facendo sentire ancora di più.

Infatti Lancia ha fatto sapere che riporterà in vita nomi storici come quello di Lancia Delta e Aurelia. Opel, farà rinascere la mitica Manta, Alfa Romeo ed in futuro riesumerà Duetto e GTV e molto probabilmente anche Giulietta e MiTo.

Questo però potrebbe essere solo l’inizio e ci sono buone probabilità che anche altri vecchi modelli di Fiat, Peugeot o delle altre case automobilistiche presenti nel gruppo di Carlos Tavares seguiranno lo stesso esempio.

Nuova Lancia Delta HF
Nuova Lancia Delta: questo è uno dei nomi iconici che Stellantis utilizzerà per far digerire meglio ai suoi clienti il passaggio all’elettrico

Lancia Delta e Aurelia, Opel Manta, Alfa Romeo GTV e Duetto rappresentano solo l’inizio di questa strategia

I dirigenti del gruppo automobilistico nato dalla fusione di PSA e Fiat Chrysler Automobiles sperano così di riavvicinare tutti quei clienti che si stanno sentendo disorientati in questo momento storico dalle decisioni che inevitabilmente le case sono costrette a prendere.

Vedremo dunque se questa sarà la politica giusta per i prossimi anni e se davvero Stellantis riuscirà a non snaturare la storia e la tradizione delle sue case automobilistiche come molti temono soprattutto per quanto concerne marchi storici come Alfa Romeo e Maserati. La sfida è sicuramente difficile ma il gruppo automobilistico di Carlos Tavares ha le capacità, le risorse e le menti per far fronte a queste incognite.

Ti potrebbe interessare: Stellantis Melfi: situazione operai peggiora, molte cose che non vanno

 

 

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento