in ,

FCA: immatricolazioni in calo del -6.4% in Europa a gennaio

Pesano i cali di Jeep e Alfa Romeo

Il mercato auto europeo chiude il mese di gennaio con un calo del -7.5% (considerando i dati dell’UE, dell’UK e dell’area EFTA), nel frattempo il gruppo FCA registra un mese negativo riuscendo comunque a contenere le perdite rispetto al resto del mercato. Il gruppo deve fare i conti con la continua crisi di Alfa Romeo e con la riduzione delle vendite di Jeep, che continua il suo momento negativo iniziato nella seconda metà del 2019.

Per FCA il mese di gennaio si chiude con 68 mila unità vendute con un calo percentuale del -6.4% rispetto ai dati raccolti nel corso del mese di gennaio dello scorso anno. Per FCA, la quota di mercato in Europa al termine del primo mese dell’anno è pari al 6%, in leggera crescita rispetto al 5.9% registrato nel corso del gennaio dello scorso anno.

Attualmente, FCA è il settimo gruppo per unità vendute in Europa alle spalle di Volkswagen, PSA, Renault, Hyundai, BMW e Toyota. Il futuro gruppo formato da FCA e PSA mette assieme più di 240 mila unità vendute a gennaio, confermandosi potenzialmente come il secondo gruppo automotive europeo dopo Volkswagen che sfiora i 300 mila esemplari venduti. Da notare che PSA registra un calo del -14% a gennaio, registrando uno dei risultati peggiori tra i vari gruppi automotive in Europa.

Vediamo ora come sono andante le vendite dei vari marchi di FCA nel corso del mese di gennaio;

Fiat

Dopo un 2019 molto difficile, Fiat inizia il 2020 ancora in calo ma le perdite sono molto limitate. Il brand, infatti, si ferma a 47 mila unità vendute con un calo percentuale del -2,1% rispetto ai risultati ottenuti nel corso del gennaio dello scorso anno. Per il marchio torinese la quota di mercato cresce dal 3.9% al 4.2%.

Da segnalare che Fiat ha venduto il 36% delle vetture in Italia dove le consegne sono aumentate del +5.6%, un dato che fa ben sperare in vista del prossimo futuro. Nel mese di gennaio, Fiat ha lanciato le nuove 500 e Panda Hybrid che dovrebbero iniziare ad avere un impatto significativo sulle vendite già a partire dal mese di febbraio.

Jeep

Jeep si conferma il secondo marchio di FCA per unità vendute ma deve fare i conti con un nuovo calo di vendite. Il brand ha distribuito un totale di 10,809 unità nel corso del mese di gennaio in Europa facendo registrare un calo del -12% rispetto ai risultati ottenuti nel corso dell’anno precedente. Per il brand americano la quota di mercato resta fissa all’1%.

Le vendite di Jeep continuano ad essere fortemente legate al mercato italiano (dove a gennaio il brand ha registrato un calo del -5%). I dati di gennaio confermano che circa il 58% delle vendite di Jeep in Europa arrivano dall’Italia. Si tratta di una percentuale superiore sia quella di Fiat che di Alfa Romeo.

Nel corso del mese di gennaio, Jeep ha presentato le versioni ibride di Renegade e Compass che arriveranno sul mercato soltanto sul finire della primavera. Attualmente, è possibile ordinare le versioni speciali First Edition.

Jeep Renegade e Compass 4xe First Edition

Lancia

Lancia chiude il mese di gennaio con 6.252 unità di Ypsilon vendute in Italia (unico mercato europeo in cui il brand è presente) con un calo del -5.7% rispetto ai risultati ottenuti lo scorso anno. Nelle prossime settimane, Lancia presenterà la nuova Ypsilon Hybrid che potrebbe dare un contributo positivo alla crescita delle vendite.

Alfa Romeo

Il marchio Alfa Romeo, come visto nel nostro articolo d’approfondimento, chiude il mese di gennaio con un totale di 3,395 unità vendute in Europa facendo registrare un calo del -30% rispetto ai dati raccolti nel corso del gennaio dello scorso anno.

Ricordiamo che Alfa Romeo ha avviato le vendite di Giulia e Stelvio MY 2020 in Italia nel corso del mese di gennaio. Le nuove versioni di Giulia e Stelvio arriveranno nel corso del primo trimestre in tutti i principali mercati europei.

 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento