in

Alfa Romeo: la crisi delle vendite potrebbe portare interessanti novità

L’antitodo contro il crollo delle vendite del Biscione potrebbe essere l’arrivo anticipato dei nuovi modelli

Alfa Romeo Tonale

Dallo scorso autunno le vendite di Alfa Romeo continuano a crollare. Lo scorso mese di maggio in Italia si è assistito ad un clamoroso calo del 51 per cento nelle vendite del Biscione rispetto allo scorso anno. Presto dunque la casa automobilistica milanese potrebbe essere costretta a correre ai ripari. Qualcuno ipotizza che l’arrivo dei nuovi modelli possa venire leggermente anticipato. Si parla di due nuovi suv. Oltre ad Alfa Romeo Tonale che potrebbe arrivare già entro la fine del 2020, si vocifera del debutto di un B-Suv che si potrebbe chiamare Alfa Romeo Brennero. A quanto pare dunque saranno questi gli assi nella manica del Biscione per superare la profonda crisi che attualmente attanaglia lo storico marchio milanese che deve continuamente fare ricorso alla cassa integrazione nello stabilimento di Cassino. 

Si spera dunque che Mike Manley e soci decidano di anticipare di qualche mese l’arrivo di questi modelli. Con il primo che sarà svelato in versione definitiva al Salone dell’auto di Ginevra 2020 a marzo. Anche Brennero potrebbe essere svelato in versione concept car sempre in quella manifestazione per poi arrivare sul mercato verso la fine del 2021. Molto comunque dipenderà anche da quello che accadrà con la fusione tra Fiat Chrysler e Renault. In ogni caso l’arrivo di questi modelli dovrebbe prescindere dall’accordo tra le due aziende. Semmai in caso di fusione a questi due veicoli se ne potrebbero aggiungere nel corso dei prossimi anni altri ancora anche sfruttando le tecnologie messe a disposizione da Renault e Nissan. Questo senza dimenticare l’arrivo delle versioni ibride di Giulia e Stelvio che però al contrario potrebbe subire un leggero ritardo.

Alfa Romeo Brennero