in

Fiat 500: oltre 50.000 esemplari richiamati in America da FCA

Ancora guai per il gruppo automobilistico italo-americano e questa volta riguarda la celebre city car

Fiat 500 2012

Oltre a Dodge Durango, Jeep Grand Cherokee e Ram ProMaster, Fiat Chrysler Automobiles deve fare i conti con un altro richiamo negli Stati Uniti che riguarda questa volta la sua popolare city car Fiat 500. Nelle scorse ore è stata annunciata una campagna per circa 51.778 esemplari dei model year 2012 e 2013, tutti commercializzati negli USA.

A questi si uniscono anche i circa 10.627 venduti in Canada, 3520 in Messico e 6826 al di fuori del Nord America. Secondo quanto affermato dal gruppo automobilistico italo-americano, le unità coinvolte avrebbero delle boccole dei cavi del cambio difettose che possono degradarsi col tempo a causa dell’esposizione a calore e umidità.

Fiat 500 2012
Fiat 500 2012 interni

Fiat 500: il gruppo italo-americano richiama diversi esemplari della popolare city car torinese

Tale problema causerebbe la separazione del cavo del cambio dal collegamento della trasmissione, rendendolo praticamente inutilizzabile. La società afferma di essere a conoscenza di tre incidenti correlati, molto probabilmente, al guasto, anche se non parliamo di lesioni importanti.

I clienti delle Fiat 500 interessate possono identificare facilmente il problema notando dei movimenti del cambio più lenti, sebbene il quadro strumenti indichi sempre la marcia corretta selezionata.

Fiat 500 2013

FCA effettuerà la riparazione in maniera completamente gratuita dopo che i proprietari dei veicoli coinvolti verranno informati del problema. Inoltre, il gruppo mette a disposizione un numero dedicato a cui chiamare per eventuali domande.

Come detto ad inizio articolo, Fiat Chrysler Automobiles non sta di certo attraversando un buon momento. Gli oltre 500.000 esemplari di Dodge Durango e Jeep Grand Cherokee coinvolti nel richiamo presentano un problema al relè della pompa del carburante che potrebbe non funzionare, causando l’arresto improvviso del veicolo.

Per quanto riguarda il Ram ProMaster, invece, abbiamo oltre 100.000 unità di cui poco più di 99.000 commercializzati negli Stati Uniti, circa 8000 in Canada e oltre 2000 in Messico. Il problema è da attribuire ai fusibili della ventola di raffreddamento che potrebbero non funzionare e quindi non proteggerla dal surriscaldamento.