in

Alfa Romeo: ancora cassa integrazione a Cassino, nuovo stop per la produzione a fine gennaio 2019

Il 2019 inizia con la cassa integrazione per lo stabilimento laziale

alfa romeo cassino

Da pochi giorni, lo stabilimento di Cassino è fermo e la produzione non riprenderà sino ai primi giorni del 2019. Il calo delle richieste registrato in questi ultimi mesi per i tre modelli Alfa Romeo prodotti nel sito laziale (Giulia, Stelvio e Giulietta), ha spinto FCA a terminare in anticipo le attività per il 2018.

Il 2019 riprenderà in modo molto simile a come si è chiuso il 2018. In queste ore, infatti, è arrivata la conferma del ritorno della cassa integrazione a Cassino con nuovi stop della produzione già programmati per entrambe le linee (Giulia e Stelvio. che coinvolge quasi 4 mila addetti, e Giulietta. con oltre mille addetti).

La produzione dell’Alfa Romeo Giulietta, ferma da pochi giorni, riprenderà solo il prossimo 15 gennaio per poi interrompersi, nuovamente, nelle settimane successive. Il nuovo stop prenderà il via il 24 gennaio e durerà sino al successivo 2 febbraio. In totale, quindi, a gennaio la linea di produzione della segmento C di casa Alfa Romeo sarà attiva per meno di 10 giorni.

Per quanto riguarda l’Alfa Romeo Giulia e l’Alfa Romeo Stelvio, invece, lo stop alla produzione prenderà il via il 29 gennaio e durerà sino al 2 febbraio. Ricordiamo che la produzione di Giulia e Stelvio riprenderà, dopo la “pausa natalizia”, il prossimo 9 gennaio.

Di fatto, i due modelli Alfa Romeo saranno prodotti a pieno ritmo per circa tre settimane nel corso del mese di gennaio risultando, quindi, ancora lontani dall’obiettivo di raggiungere una produzione costante per tutto il mese solare.

Alfa Romeo stabilimento Cassino dazi

Nei prossimi mesi, FCA dovrebbe fare ricorso nuovamente a questi stop produttivi. Al momento, infatti, non ci sarebbero novità per i tre modelli Alfa Romeo, almeno per quanto riguarda i prossimi mesi. Nelle ultime settimane abbiamo parlato del possibile avvio della produzione della variante ibrida dello Stelvio e del debutto della nuova versione entry level con motore 1.3 turbo da 180 CV della Giulia. Si tratta di notizie non ancora confermate e che, in ogni caso, non andranno ad influire sui livelli produttivi del primo trimestre.

Un impatto negativo sulla produzione potrebbe averlo la nuova Ecotassa. Il provvedimento appena varato dal Governo colpirà quasi tutta la gamma benzina di Alfa Romeo (solo la Giulia 2.0 da 200 CV si “salva”) mentre non andrà ad influire sulla gamma diesel che, al momento, rappresenta il fulcro delle vendite Alfa Romeo in Italia. In attesa di capire quale sarà l’impatto della norma, è chiaro che il nuovo sistema bonus/malus non favorirà la crescita della produzione a Cassino.

Staremo a vedere se, nei prossimi mesi, Alfa Romeo tenterà di risollevare la produzione a Cassino rinnovando la gamma di Giulia, Stelvio e, soprattutto, Giulietta aggiungendo qualche novità interessante in grado di attirare un numero maggiore di clienti. Di certo, anche per i mesi di febbraio e marzo è lecito attendersi nuovi stop per la produzione per i tre modelli Alfa prodotti nello stabilimento laziale. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti.

Fonte


Written by Davide Raia

Appassionato di tecnologia e motori da sempre, editor e blogger, scrivo sul web da più di dieci anni. Ho collaborato con diverse testate online, occupandomi di temi differenti ma senza mai abbandonare il mondo dei motori ed, in particolare, il settore auto che ormai seguo quotidianamente con l’obiettivo di scoprire news e curiosità su tutti i nuovi modelli in arrivo. Nel tempo libero leggo, monto e smonto PC e cambio smartphone con troppa frequenza. Prossimo obiettivo: acquistare un’auto elettrica.