in ,

Ferrari 308 GTS Quattrovalvole: emozioni in video

Una “rossa” che ha fatto epoca, guadagnando spazio anche nel mondo del cinema e nei poster dei ragazzi..

Screen shot da video YouTube di Felli's Tribe

Un video ci porta idealmente a bordo della Ferrari 308 GTS Quattrovalvole, un’auto sportiva iconica degli anni ’80. Le riprese, effettuate sulle strade dell’Abruzzo, spostano indietro le lancette del tempo, facendo rivivere le emozioni di un vecchio romanticismo, che non passa mai di moda. Anche se l’esemplare protagonista del filmato viaggia ad andature abbastanza tranquille, inonda di scariche di adrenalina gli appassionati, specie quelli cresciuti nel suo periodo storico.

Questa vettura è un autentico gioiello, che porta gli anni con grandi disinvoltura, sia sul piano estetico che su quello del piacere di guida. La 308, declinata in più versioni, fu costruita dalla casa di Maranello dal 1975 al 1985. Quella in vetroresina -che segnò l’esordio di questa soluzione fra le “rosse” di serie- sbocciò dalle linee produttive negli anni iniziali della 308, fino al termine del 1976 per le auto destinate al mercato statunitense e fino al 1977 per quelle destinate al mercato europeo. Poi si passò all’acciaio.

Coupé e “targa” belle e vigorose

Ferrari 308 GTS
Screen shot da video YouTube di Felli’s Tribe

 

Due gli allestimenti della Ferrari 308 offerti alla tentazione della clientela: la GTB (Gran Turismo Berlinetta) e la GTS (Gran Turismo Scoperta). Quest’ultima, usata anche nella serie televisiva di “Magnum P.I.“, ha il tetto rigido asportabile, che regala il piacere della guida en plein air. Con l’arrivo nel 1980 dell’iniezione Bosch K-Jetronic, scelta al posto dei classici carburatori, per soddisfare le norme anti inquinamento sempre più restrittive, la potenza massima si ridusse sensibilmente. Gli studi avviati per ovviare all’inconveniente indicarono le quattro valvole per cilindro come soluzione ottimale per recuperare la quota di vigore lasciata per strada.

Con la “Quattrovalvole” le cifre tornarono ad innalzarsi, con 240 cavalli nel cuore, a 7000 giri al minuto, e 260 Nm di coppia a 5000 giri al minuto. Il tutto su 1286 chilogrammi di peso. La GTS fu la versione più apprezzata di questa serie, con 3048 esemplari venduti su 3790 costruiti in totale. Nel filmato possiamo gustare la magia del modello, che si è fissato per sempre nella storia e nell’immaginario collettivo.

Auto da galleria d’arte

Ferrari 308 GTS

La Ferrari 308 GTS Quattrovalvole è una berlinetta a 8 cilindri da 3 litri di cilindrata, che si offre allo sguardo con una linea meravigliosa, autentico capolavoro d’arte firmato Pininfarina. Si tratta di una vera icona nel settore della auto sportive, dove continua a brillare come una stella, nonostante i molti anni di servizio sulle spalle. Il vigore dell’unità propulsiva di questa “rossa” viene scaricato a terra con l’ausilio di un cambio sincronizzato a cinque rapporti. La leva scorre nella classica griglia cromata, bella a vedersi e seducente per i tocchi metallici regalati ad ogni passaggio di marcia.

Sul piano strutturale, i tecnici del “cavallino rampante” puntarono su un telaio tubolare in acciaio, soluzione a loro molto familiare. Notevoli le performance, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 6.5 secondi, 0 a 400 metri in 14.5 secondi, da 0 a 1000 metri in 26.2 secondi e con una velocità massima di 255 km/h. Alla qualità delle sue dinamiche concorrevano le sospensioni indipendenti, con quadrilateri trasversali, molle elicoidali coassiali con gli ammortizzatori telescopici, barra stabilizzatrice.

Ferrari 308 GTS Quattrovalvole: energia magnetica

Il compito di rallentare la foga di questa “rossa” era assegnato a quattro freni a disco autoventilati. Queste le dimensioni della Ferrari 308 GTS Quattrovalvole: 4230 mm di lunghezza, 1720 mm di larghezza, 1120 mm di altezza. Oggi, incontrare una “rossa” del genere per strada è sempre una grande emozione. Le sue linee sono di uno splendore unico. Impossibile resistere al fascino delle seduzioni che irradia. Nei raduni riesce sempre a catturare l’attenzione, nonostante la presenza di supercar ben più appariscenti. Un segno del suo appeal.

Pininfarina, con la Ferrari 308, ha partorito una delle linee più belle del suo repertorio. A fare il resto, in modo più che congruo, ci hanno pensato gli uomini del “cavallino rampante”, dall’alto della loro riconosciuta sapienza. Ora, però, basta con le parole: la palla passa al video. Buona visione…con le casse ben accese!

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento