in

Free2Move supera i 500.000 veicoli connessi

Free2Move, il marchio di mobilità del nuovo gruppo automobilistico Stellantis ha superato i 500.000 veicoli connessi

Free2Move
Free2Move

Free2Move, il marchio di mobilità del nuovo gruppo automobilistico Stellantis (fusione di PSA e FCA), ha superato i 500.000 veicoli connessi, contribuendo a semplificare e garantire la mobilità nelle città. Come ha sottolineato l’azienda, ad oggi più di mezzo milione di modelli dei marchi Peugeot, Citroën, DS e Opel, tra gli altri, sono collegati tramite Connect Fleet, un’applicazione che consente alle aziende di ottimizzare il loro costo totale di proprietà.

Free2Move, il marchio di mobilità del nuovo gruppo automobilistico Stellantis ha superato i 500.000 veicoli connessi

Secondo l’azienda, l’elettronica di bordo consente inoltre ai gestori di flotte di monitorare le prestazioni dei loro veicoli in tempo reale e ridurre il consumo di carburante di circa il 12% grazie al feedback dei dati sul chilometraggio o sui consumi. In questo senso, il marchio ha assicurato che dalle piccole aziende alle grandi aziende in Europa, Brasile, Messico e Stati Uniti abbiano questa soluzione Free2Move.

“Connect Fleet ci consente di gestire la nostra flotta in modo più appropriato ed ecologico. L’introduzione del rapporto sulla guida ecologica sensibilizza i nostri dipendenti a migliorare il loro comportamento quotidiano al volante”, ha affermato un portavoce del produttore di apparecchi di riscaldamento BDR Thermea, azienda che utilizza Free2Move.

Ti potrebbe interessare: Emov diventa parte della piattaforma di mobilità Free2Move di PSA

Free2Move
Free2Move, il marchio di mobilità del nuovo gruppo automobilistico Stellantis ha superato i 500.000 veicoli connessi

Ti potrebbe interessare: Stellantis a Vigo è lo stabilimento che ha prodotto il maggior numero di auto in Spagna

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento