in

Fiat elettrificherà il 60% dei suoi modelli entro la fine del 2021

Entro la fine del prossimo anno il 60% dei modelli di auto offerti dal marchio Fiat sarà elettrificato, ibrido o completamente elettrico

Entro la fine del prossimo anno il 60 per cento dei modelli di auto offerti dal marchio Fiat sarà elettrificato, ibrido o completamente elettrico. Lo ha detto martedì il responsabile EMEA del gruppo FCA per i marchi Fiat, Lancia e Abarth, Luca Napolitano.

Entro la fine del prossimo anno il 60% dei modelli di auto offerti dal marchio Fiat sarà elettrificato, ibrido o completamente elettrico

“Entro la fine del 2021, di tutti i modelli Fiat offerti, il 60 per cento sarà elettrificato, meglio della media del mercato”, ha detto Napolitano in una presentazione web registrata.

Quest’anno Fiat ha lanciato la piccola auto elettrica Nuova 500, le versioni ibride dei suoi modelli 500 e Panda, insieme all’ibrido di Lancia Ypsilon, l’unico veicolo della casa automobilistica piemontese attualmente in offerta sul mercato.

In futuro si prevede che altri modelli Fiat saranno offerti in versioni ibride, tra cui il SUV compatto 500X e la berlina di segmento C Tipo. Vedremo dunque quali altre sorprese riserverà la principale casa automobilistica italiana nel corso dei prossimi mesi. Ricordiamo infatti che nel futuro del marchio di Torino sono attese diverse novità dopo che la fusione tra FCA e PSA sarà ultimata dando origine al nuovo gruppo Stellantis. Si parla infatti del ritorno di Punto e di almeno due nuovi SUV.

Ti potrebbe interessare: Tofaş guiderà l’integrazione dei fornitori turchi nella catena di fornitura globale di Fiat Chrysler

Nuovo logo Fiat
Entro la fine del prossimo anno il 60% dei modelli di auto offerti dal marchio Fiat sarà elettrificato, ibrido o completamente elettrico

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo Giulia e Stelvio MY 2021, nuova Hypercar Ferrari, fusione FCA-PSA: le migliori news della settimana

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento