in

Alfa Romeo Pordoi Quadrifoglio: un render immagina il futuro top di gamma della casa italiana

Il progetto è stato realizzato da Stefano Moraschini

In attesa di capire quale sarà il futuro di Alfa Romeo e le evoluzioni della gamma del brand italiano, in attesa del debutto del nuovo Alfa Romeo Tonale che arriverà solo nel 2021, le ipotesi sui nuovi modelli non mancano di certo. Alfa Romeo è, da tempo, fonte di ispirazione per designer ed appassionati che provano ad anticipare quelle che saranno le mosse future del marchio italiano.

Tra i nuovi progetti dedicati alle possibili evoluzioni future del marchio Alfa Romeo troviamo l’Alfa Romeo Pordoi Quadrifoglio realizzato da Stefano Moraschini che recentemente ha realizzato il progetto Giulietta BEV. I render che vi proponiamo nell’articolo ci mostra il design di quello che potrebbe essere il futuro E-SUV (dal marcato carattere sportivo) del marchio italiano. Si tratta di un’evoluzione naturale dell’attuale gamma Alfa Romeo che, dopo il lancio del Tonale e del B-SUV (i progetti confermati dal piano industriale di fine 2019), troverebbe spazio anche nel segmento E con una proposta in grado di sintetizzare al meglio la sete di sportivitià degli appassionati e il bisogno di SUV che caratterizza la clientela di questo segmento.

Il progetto Alfa Romeo Pordoi Quadrifoglio è stato sviluppato immaginando un futuro crossover sportivo di dimensioni molto generose (con una lunghezza di circa 5 metri) che potrebbe essere progettato come evoluzione della piattaforma Giorgio, la base di parte di Stelvio e Giulia. Sotto al cofano potrebbe trovare spazio il “solito” 2.9 V6 biturbo che, come mostrato da Giulia GTA e GTAm, ha ancora molto da dire, offrendo margini di crescita con la possibilità di poter supportare un potenziamento sino ad oltre 600 CV (grazie all’ibridizzazione). La gamma dell’Alfa Romeo Pordoi potrebbe essere poi arricchita da motorizzazioni a 4 e 6 cilindri con potenze tra 300 e 450 CV.

Dal punto di vista del design, che poi è l’aspetto più interessante del render, l’Alfa Romeo Pordoi Quadrifoglio proposto da Stefano Moraschini si presenta come un crossover sportivo in piena regola, un’auto a ruote alte e con proporzioni laterali da vera e propria coupé, con cofano lungo e lunotto posteriore molto inclinato. Il look sportivo e aggressivo richiama la storica Montreal, uno dei modelli più iconici della produzione della casa italiana che rappresenta una fonte di ispirazione per diversi elementi del progetto (linea di fiancata, prese d’aria laterali posteriori, i fari anteriori).

L’immancabile scudetto riprende le soluzioni estetiche proposte dall’Alfa Romeo Tonale, l’ultima nata della casa italiana, andando ad incrementare le dimensioni che si adeguano alle proporzioni differenti del progetto Alfa Romeo Pordoi Quadrifoglio. Da notare anche l’utilizzo dei cerchi introdotti, recentemente, sulla nuova Alfa Romeo Giulia GTA. Nel complesso, si tratta di un progetto molto interessante che riesce ad abbinare, al meglio, l’anima sportiva del marchio alle dimensioni più generose richieste da un E-SUV (con un evidente look da coupé).

Nello sviluppo del progetto, Moraschini ha immaginato il Pordoi Quadrifoglio come un vero e proprio competitor di modelli di successo come RS Q8, Bmw X6 M, Maserati Levante Trofeo e Lamborghini Uru, veicoli che, negli ultimi anni, hanno contribuito in misura determinate a dare un tocco di sportività al segmento dei SUV di grandi dimensioni che, sino a poco tempo fa, era composto da modelli molto lontani da quelli attuali.

Alfa Romeo: c’è futuro nel segmento E?

Il nuovo progetto digitale Alfa Romeo Pordoi Quadrifoglio riporta in prima pagina la possibile espansione della gamma Alfa Romeo nel segmento E del mercato, un’idea che era già stata anticipata negli anni scorsi (quando FCA prevedeva il lancio di una nuova ammiraglia e di un E-SUV). Successivamente, tale idea è stata prima ridimensionata (con la cancellazione dell’ammiraglia) e poi completamente cancellata (con la riduzione ulteriore degli investimenti avvenuta con l’ultimo piano industriale in cui l’E-SUV è stato sostituito da un B-SUV).

I piani attuali, che coprono il triennio 2020-2022, non prevedono un’espansione nel segmento E ma, come tutti gli Alfisti sanno bene, i progetti per Alfa Romeo sono in costante divenire e tra cancellazioni e nuovi annunci è sempre possibile registrare l’arrivo di novità. La crisi attuale del mercato complica le cose ma la fusione tra FCA e PSA potrebbe portare nuove energie per il marchio italiano. Nei prossimi anni scopriremo se un progetto come l’Alfa Romeo Pordoi potrà diventare davvero realtà. Continuate a seguirci per saperne di più.