in

Salone di New York 2020 rinviato a causa del Coronavirus

La fiera si farà ad agosto

Dopo Ginevra e Pechino, anche il Salone di New York si deve arrendere al Coronavirus. L’organizzazione della manifestazione ha, infatti, confermato che l’evento fieristico dedicato al mondo dell’auto è stato rinviato ufficialmente. A differenza di quanto avvenuto con Ginevra, con l’edizione 2020 che è stata cancellata, il Salone di New York si farà ma non più ad aprile.

La fiera, infatti, si sposta al prossimo mese di agosto. Il 26 ed il 27 agosto si terrà la tradizionale apertura dedicata agli addetti ai lavori ed alla stampa specializzata mentre dal 28 inizierà il Salone vero e proprio con l’apertura delle porte al pubblico. L’evento terminerà il successivo 6 settembre. Chiaramente, tutte le case costruttrici dovranno adeguare i loro programmi e riorganizzare gli eventi di presentazione dei loro modelli.

Negli USA, in questi ultimi giorni, si è registrato un rapido incremento dei contagi da Coronavirus che sono oramai arrivati alla soglia dei 1.000 casi confermati (in Italia siamo a poco più di 10 mila dopo l’ultimo aggiornamento della serata di ieri). La cancellazione del Salone di New York rientra, quindi, tra i tanti provvedimenti mirati al contenimento dei contagi per bloccare l’avanzata del virus sul territorio americano.

Ricordiamo che negli USA si svolgono ogni mese eventi fieristici dedicati al mondo dell’auto ma il Salone dell’auto di New York, insieme al Salone di Detroit (da quest’anno programmato a giugno) e al Salone di Los Angeles (in programma a fine novembre), è uno dei più importanti appuntamenti con molte case costruttrici che presentano, in anteprima assoluta le novità in arrivo sul mercato.

La nuova collocazione, a fine estate, potrebbe rappresentare una buona occasione di ribalta per il Salone di New York considerando che l’evento si svolgerà più o meno a metà tra Detroit e Los Angeles (salvo ulteriori cancellazioni legate al Coronavirus).

Cosa cambia per FCA

FCA ha sempre posto grande attenzione nel Salone di New York dove spesso sono state svelate diverse novità in anteprima mondiale, sia per quanto riguarda i marchi americani che per i marchi italiani, in particolare per Maserati. Al momento, non sono noti i piani del gruppo per la fiera e, quindi, non sappiamo se la cancellazione andrà a modificare i programmi.

Nelle scorse settimane, si era parlato di un possibile debutto della nuova Maserati Ghibli ibrida a New York. La versione elettrificata con sistema ibrido plug-in della Ghibli doveva debuttare al Salone di Pechino, cancellato per il Coronavirus, ed ora potrebbe essere presentata a Detroit a giugno oppure nel corso di un evento dedicato da programmare nei prossimi mesi.

Potrebbero cambiare i programmi anche per i marchi americani come Jeep e RAM che sono sempre tra i brand protagonisti della fiera di New York. Di certo, in questi giorni, sono tanti i costruttori che stanno riorganizzando gli eventi di lancio dei nuovi modelli a causa della cancellazione delle fiere dedicate al mondo dell’auto.

FCA è riuscita a riorganizzare in modo davvero ottimo la presentazione della Nuova Fiat 500 che doveva essere la protagonista della fiera di Ginevra. Il gruppo ha organizzato una presentazione online con un video che ha visto come protagonista il numero uno del marchio Fiat, Olivier Francois, in giro per Milano durante i primi giorni della diffusione del Coronavirus.

Meno riuscita, invece, la presentazione delle Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm. Le nuove versioni super sportive ed alleggerite della Giulia sono state svelate con un video diffuso tramite il sito Alfa Romeo. Il video integrale della presentazione ha fatto discutere molto per via del doppiaggio scadente della versione inglese. Nonostante ciò, il primo video ufficiale delle nuove Giulia GTA e GTAm è stato un successo. 

Nei prossimi giorni, la divisione nordamericana del gruppo FCA potrebbe annunciare quelli che saranno i cambi di programma legati alla cancellazione del Salone di New York a causa del Coronavirus. Possiamo aspettarci un debutto della Nuova Fiat 500 sul territorio americano posticipato a giugno, in occasione del Salone di Detroit, oppure proprio ad agosto, per la nuova edizione dell’evento di New York.