in ,

Maserati 200SI: in vendita l’esemplare appartenuto a “Gentleman Jim” Kimberly

Una splendida barchetta Maserati si prepara a fare la gioia del futuro acquirente.

Maserati 200SI
Foto da profilo Facebook RM Sotheby's

Ghiotta opportunità per chi vuole mettere in garage un “tridente” da corsa dell’era romantica. RM Sotheby’s, infatti, sta curando la vendita privata di una Maserati 200SI del 1957, modellata da Fantuzzi. Nello specifico, si tratta dell’esemplare con numero di telaio 2412. Superfluo dire che un’auto del genere racchiude pagine di storia capaci di strapparele lacrime di commozione dagli occhi degli appassionati.

Il suo primo proprietario fu James H. Kimberly, conosciuto negli ambienti elitari dell’epoca come “Gentleman Jim”, per il suo stile impeccabile e per l’immensa generosità d’animo. Nipote di uno dei quattro fondatori dell’impero Kimberly-Clark Corporation, in lui ardeva la passione per le belle auto e per le corse.

Con questo gioiello, in livea rossa e nera, prese parte in prima battuta alla 12 Ore di Sebring del 1957, affiancato da Ted Boynton e Denise McCluggage. Purtroppo, dopo 58 giri, furono costretti al ritiro, per un guasto al cambio. Dopo quella sfida a stelle e strisce sbocciarono altri appuntamenti agonistici, il più delle volte segnati da disavventure.

Oggi questa Maserati 200 SI è un gioiello adatto anche ai concorsi d’eleganza, ma non disdegna ulteriori impegni in pista, nelle serie riservate alle auto storiche. Comprarla, per chi può permetterselo, sarebbe una bella idea. Il prezzo è su richiesta. L’auto, al momento, si trova a Culver City, California (Stati Uniti). Dovrebbe trattarsi del 12° dei 28 telai 200/250 costruiti dalla casa modenese.

Fra i suoi punti di forza, il fatto che sia uno dei pochi esemplari esistenti ancora dotati del motore corretto da 2 litri di cilindrata. Negli ultimi 14 anni questa Maserati 200SI è appartenuta alla stessa persona, sottoposta continuamente alla sue amorevoli cure, dopo l’acquisto, avvenuto nell’ottobre del 2009. Si segnala la ricostruzione del motore, a cavallo fra il 2013 e il 2014. Dopo l’intervento, l’auto non è stata utilizzata in nessuna gara d’epoca, suggerendo uno stato di forma ottimale, quasi da nuova. Ora è giunto il momento della separazione.

Le condizioni di questa barchetta da corsa sembrano impeccabili. La Maserati 200 SI di cui ci stiamo occupando fu importata negli USA da Harry Woodnorth, noto concessionario con sede a Chicago. Lì ha trascorso buona parte della sua vita. Ad animarne le danze provvede un motore a 4 cilindri da 2 litri di cilindrata, con 187 cavalli al servizio del piacere. Rispetto alla precedente A6GCS aveva delle dimensioni più generose. Lo stile era meno sinuoso ma più affilato. Bello da vedere ed anche funzionale, ancora oggi emoziona chi incrocia i suoi tratti.

La Maserati 200SI era strettamente imparentata con la 150 S. Cambiavano la cilindrata e il ponte posteriore. Nessuna vittoria di rilievo nel suo palmares. Tornando all’esemplare ora in vendita, giusto evidenziare come nel maggio del 1958, Kimberly lo riconsegnò a Harry Woodnorth, perché lo alienasse per lui. Da quel momento hanno preso forma alcuni passaggi di proprietà, fino alla vendita ora in catalogo.

Maserati 200SI
Foto da profilo Facebook RM Sotheby’s

Fonte | RM Sotheby’s