in

DS potrebbe lanciare una nuova auto compatta

Il CEO Foucher non esclude il ritorno di una vettura tipo la vecchia DS 3

Il capo del marchio francese di auto premium DS Automobiles, che fa parte del gruppo Stellants, ha affermato che una nuova supermini potrebbe essere in cantiere mentre pianifica di rinnovare la sua auto più piccola, la DS 3 Crossback.  Il crossover ha sostituito la vecchia supermini DS 3, venduta per la prima volta come Citroën, nel 2019 nel tentativo di trarre vantaggio dal segmento dei B-SUV estremamente popolare e ancora in crescita.

DS Automobiles: il CEO Foucher non esclude in futuro di poter lanciare una nuova auto compatta

Ma mentre la casa automobilistica guarda alla sua prossima generazione, soprattutto in vista del suo piano di elettrificazione completo del 2024, la boss Béatrice Foucher ha detto ad Autocar che non escluderebbe un ritorno alle radici della DS 3, aggiungendo che la 3 originale “ha avuto molto successo”.

Se tornasse, lo farebbe con un propulsore elettrico e rimarrebbe sulla piattaforma STLA Small del marchio madre Stellantis, il cui lancio è previsto per la metà del decennio. Foucher ha detto: “Stiamo lavorando per rinnovare la DS 3, e quando diciamo ‘rinnovamento’, non significa che rinnoveremo l’auto rigorosamente come è oggi.”

Tuttavia, un’auto più piccola comporta dei rischi, ha affermato Foucher, con costi di produzione per unità relativamente elevati e quindi prezzi al dettaglio elevati. Ha aggiunto che il marchio dovrebbe anche guardare a ciò che vuole il mercato, poiché vi è una nuova tendenza automobilistica verso i SUV compatti. La maggior parte delle aziende, comprese Ford e Honda, ha spostato la propria attenzione dalle auto più piccole a favore di crossover e SUV.

DS Automobiles
DS Automobiles: il CEO Foucher non esclude in futuro di poter lanciare una nuova auto compatta

“Alla fine, quando guardi al mercato premium, è più difficile vendere auto piccole piuttosto che quelle grandi, ovviamente perché quando paghi molto per quelle grandi, hai lo status e il prezzo alto viene considerato come un qualcosa di appropriato”, ha affermato Foucher. “Ma quando si hanno auto piccole, è più difficile venderle. Ciò significa che è difficile per un marchio premium avere in gamma auto compatte”.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo, DS e Lancia: in futuro anche supercar elettriche