in

Fiat 1100 E Supergioiello: che sublime restaurazione [FOTO]

Corrado Lopresto, grande esperto nella restaurazione dell’auto d’epoca, ha compiuto un fantastico lavoro con la Fiat 1100 E Supergioiello.

Fiat 1100 E Supergioiello

Macché gioiello, un supergioiello! Uscita dagli stabilimenti del Lingotto, a cavallo tra il 1949 e il 1950, l’originaria Fiat 1100 E di Ghia costituiva la tipica fuoriserie di pregio italiana dell’epoca. Sfoggiava una linea semplice, ma al tempo stesso elegante e una dotazione curata nei minimi particolari.

Fiat 1100 E Supergioiello: il sublime restauro di Corrado Lopresto

Fiat 1100 E Supergioiello

Il debutto in scena risale al settembre 1949. In occasione del Concorso d’Eleganza di Villa d’Este, sulle sponde del lago di Como, la carrozzeria torinese sfoggia un esemplare unico, perfetta incarnazione dell’omonima linea lanciata solo qualche mese prima. Il gruppo aveva già lasciato una nitida impronta nel 1946, attraverso una serie di vetture dal look barocco e muscoloso, di ispirazione francese.

Il risultato finale è accattivante ma invecchia rapidamente. Così, al fine di dargli un tocco di rinnovamento, Felice Mario Boano commissiona a Giovanni Michelotti qualcosa di inedito. Proprio qui la serie Gioiello cede il passo alla Supergioiello, inaugurata tramite una 1500 Coupé presentata al Salone di Ginevra del 1949 e poi declinata in numerose auto future. Oltre alla 6C 2.500, al concorso viene tirato su il velo a una compatta berlina a due porte e quattro posti equipaggiata sul telaio della Fiat 1100, che si impone nella classe dedicata alle vetture chiuse fino a 1.300 cc.

Fiat 1100 E Supergioiello

L’unità con telaio 329087 (motore 369845) è acquistata nuova da un padovano, Ernesto Malipiero, nel marzo 1950. Riceve la sua ultima targa italiana a Brindisi: BR-9552. Nel 2000 la Fiat 1100 E passa a Donato Tagliente, originario di Martina Francia, che nel 2013 la vende a un collezionista giapponese. Se la assicura Hidetomo Kimura, un artista noto nella terra del Sol Levante per i suoi acquari artistici.

Da un incontro tra Kimura e Corrado Lopresto nasce una collaborazione durata. In comune, la stessa passione nei confronti delle auto d’epoca. Lopresto è un massimo esperto nella restaurazione. E fornisce all’amico i consigli utili per effettuare un lavoro impeccabile. I risultati sono eccellenti, al punto da valere subito degli importanti riconoscimenti ai concorsi d’eleganza cui partecipa.