in

Auto storiche: da record il giro di affari

Il comparto delle auto storiche non conosce crisi. Si moltiplicano gli appuntamenti dedicati per un giro d’affari da 2 miliardi di euro

Il comparto delle auto storiche non conosce crisi. Si moltiplicano infatti gli appuntamenti ad esse dedicate, con la volontà di rendere partecipe un numero sempre crescente di appassionati. Tra questi importanti e interessantissimi eventi non si può fare a meno di indicare la prossima Milano Autoclassica ovvero una interessantissima kermesse prevista alla Fiera di Milano Rho dal prossimo 1 al 3 ottobre.

Si tratta di una bellissima manifestazione destinata alle auto storiche già in essere dal 2012. “Sin dal principio è stata un successo sia dal punto di vista degli espositori che del pubblico con un trend crescente anno dopo anno. Siamo arrivati ad avere oltre 75.000 visitatori su una superficie di oltre 50.000 metri quadrati. Noi non coinvolgiamo solo i collezionisti, ma cerchiamo di intercettare gli appassionati di domani che ancora non lo sanno ma ameranno le auto d’epoca”, ha ammesso a Il Foglio il presidente di Milano Autoclassica Andrea Martini.

Auto storiche in ascesa costante

Il comparto ha previsto valori di crescita non indifferente. Basti pensare che come dichiarato ancora dallo stesso Martini, “in Italia il giro d’affari legato al mondo delle auto storiche è di circa 2 miliardi di euro annui, comprendendo anche costi di manutenzione e restauro. Solo nella nostra esposizione siamo arrivati ad avere 5.000 vetture in vendita”. Dati che sicuramente vanno tenuti fortemente in considerazione per un settore che gode di elevatissima salute.

Nel frattempo ecco la ricetta del successo di Milano Autoclassica secondo il suo presidente: “da noi espongono sia privati che commercianti ma non solo ci sono anche i costruttori che portano le loro novità più sportive e poi un mercatino di ricambistica dove si possono scovare pezzi rarissimi senza dimenticare il settore dedicato a federazione club che sono punto di riferimento per gli appassionati”. Un’occasione in più per avvicinarsi al mondo delle auto storiche, anche per chi si sente ancora alle primissime armi ma sa di poter contare su un panorama sempre più ampio.

Lascia un commento