in

Fiat: ecco come ha superato la crisi ed è diventata leader in Brasile

Dietro la leadership di Fiat in Brasile c’è tanto lavoro e riposizionamento del marchio, lo ha spiegato il responsabile del marchio Herlander Zola

Fiat Logo
Fiat Logo

Questo momento non potrebbe essere migliore per Fiat in Brasile. La principale casa automobilistica italiana infatti è leader di mercato e possiede nella sua gamma anche il veicolo commerciale leggero più venduto dell’anno. Infatti, il nuovo pick-up Strada è stato un punto di svolta per l’azienda, ma il piano di ripresa è andato oltre. “Tre anni fa, mi avrebbero dato del pazzo se avessi predetto un simile risultato”, afferma Herlander Zola, direttore del marchio in Sud America.

Herlander Zola parla di come Fiat ha superato la crisi e ha ottenuto la leadership in Brasile

Innanzitutto, è necessario ricordare il lungo periodo di crisi del produttore italiano quando perse la leadership a favore della Chevrolet Onix e di General Motors, un regno durato 11 anni. Nel primo quadrimestre Fiat si è garantita in Brasile il 21% delle vendite totali, seguita da Volkswagen (17,1%) e da GM (14,5%).

“Venivamo da un periodo in cui il marchio ha sofferto molto a causa della crescita dei SUV. Questo in quanto negli scorsi anni non abbiamo avuto alcun lancio in questo segmento. Le nostre novità sono arrivate dal 2016, ma in altri segmenti. E, in quel periodo, abbiamo fatto un lavoro profondo per capire quali fossero i punti deboli del prodotto, del brand e cercare di definire un piano di riposizionamento”.

Nel primo ciclo di investimenti, il produttore ha lanciato Mobi nel 2016, seguito da Argo e Cronos negli anni successivi. Nella seconda fase sono arrivati ​​la nuova Strada (presentata lo scorso anno) e Toro. E altri tre modelli sono stati appena confermati: il Progetto 363, il primo SUV dell’azienda per il Brasile, che è stato presentato alla finale del Grande Fratello brasiliano, oltre alla 500e elettrica e ad un altro SUV coupè più grande, il progetto 376.

Per realizzare la strategia di riposizionamento, Fiat ha creato gamme più complete, come la linea Trekking e la linea S-Design. E ci sono stati cambiamenti anche oltre i veicoli: Fiat in Brasile ha cambiato tutta l’identità visiva e anche il logo precedente è stato ritirato in favore di un brand nuovo e più moderno. La casa italiana ha persino adottato un nuovo standard architettonico per la rete di concessionari.

“Questo progetto di rebranding sta avvenendo con forza e, oggi, abbiamo circa 520 rivenditori in tutto il paese, 50 dei quali sono già completamente rinnovati. E, entro la fine di quest’anno, altri 250 dovrebbero ricevere una ristrutturazione, perché 100 di esse sono già in corso in questo momento. La nostra aspettativa è di finire tutto entro il prossimo anno. È interessante notare che la maggior parte del piano ha avuto luogo durante la pandemia”.

In meno di tre anni, Fiat è partita con una quota del 13,2% del mercato brasiliano e ha raggiunto la vetta della classifica dei bestseller, con un aumento di 7 punti percentuali rispetto alla fine del 2018. “Dico senza paura di sbagliare che la leadership è il risultato del lavoro e della pianificazione. E non è vero che abbiamo avuto fortuna. I problemi che hanno avuto i concorrenti, li abbiamo avuto anche noi: i semiconduttori e l’acciaio mancano anche qui. È una realtà che interessa l’intero settore. Ma Strada ha preso il comando per la prima volta a settembre, quando la produzione di Onix a Gravataí (RS) non era ancora paralizzata”.

“Abbiamo i piedi per terra e sappiamo che i nostri risultati sono influenzati anche dalla concorrenza, principalmente Chevrolet, che ha perso spazio a causa della mancanza di componenti. Ed è chiaro che, quando tutto sarà regolarizzato, avranno una quota maggiore di mercato. Ma sono molto fiducioso nel progetto che abbiamo, nei lanci previsti e nel successo delle vetture già disponibili ”.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento