in ,

Ferrari 312 F1: l’incidente di Caffi a Monte Carlo | Video

Fra i 3 crash in “rosso” del Monaco Historic GP 2021 c’è quello del driver di Rovato con la Ferrari 312 F1.

Ferrari 312 F1
Il momento del contatto (immagine da screen shot video)

Anche la Ferrari 312 F1 del 1969, portata in pista da Alex Caffi nel Monaco Historic GP 2021, si è resa protagonista di un incidente. Il pilota bresciano, durante le prove libere del venerdì, non ha potuto evitare l’impatto con la Cooper T79 di Gans, che ha rallentato prima del dovuto alla Sainte Devote.

Così, nella trasferta di Monte Carlo, sono state tre le monoposto del “cavallino rampante” ferite in corso d’opera, con dinamiche tutte diverse. Durante le qualifiche del sabato, per un suo sbaglio, era finito contro le barriere il pilota francese René Arnoux. Nella gara di domenica, invece, il crash era toccato a Jean Alesi, colpito da un rivale nelle battute finali della sfida, quando il driver di Avignone si avviava verso il successo.

Protagonista della disavventura di Alex Caffi è stata, come abbiamo detto, una Ferrari 312 F1 del 1969, che gareggiò nei Gran Premi di quell’anno. La vettura, come le altre della stessa famiglia sbocciate a partire dal 1966, non ebbe tanta fortuna in gara. Al suo attivo nessuna vittoria, il che -per un’opera del “cavallino rampante“- equivale a una disfatta, ma il destino ci mise uno zampino.

Ferrari 312 F1 del 1969: una storia travagliata

La linea del modello è caratterizzata dalla presenza di un alettone posteriore fisso, la cui comparsa in gara avvenne al GP di Spagna. In questa evoluzione del 1969, il motore della Ferrari 312 F1 portava la potenza massima a quota 436 cavalli a 11000 giri al minuto. Un bel progresso rispetto agli step precedenti. Il merito era del lavoro di affinamento svolto dai tecnici sul V12 di 3 litri, passato a questo valore energetico partendo dai 360 cavalli del 1966, grazie a un continuo e incessante sviluppo nell’atelier di Maranello.

Il telaio a struttura tubolare in acciaio era rinforzato con pannelli in alluminio rivettati a doppia parete. L’impianto frenante si affidava a dischi Girling, chiamati a rallentare la foga della monoposto, il cui peso alla bilancia era di 530 chilogrammi. Sul fronte cambio, si era in presenza di un 5 marce più retro. Al volante della Ferrari 312 F1, nel Campionato del Mondo del 1969, si misero Ernesto Brambilla e Chris Amon, che deluso dall’auto lasciò la squadra a metà stagione, cedendo il sedile a Pedro Rodriguez.

In totale, con questa monoposto, la scuderia del “cavallino rampante” conquistò solo 7 punti nell’arco dell’anno: il risultato peggiore di sempre. A pesare sul deludente bilancio, non solo le performance inadeguate, ma anche un’affidabilità precaria. Urgeva una svolta tecnica, che puntualmente giunse a Maranello, per ritornare al vertice. Tornando all’incidente di Alex Caffi al Monaco Historic GP 2021 di Monte Carlo, i danni alla “rossa” sono stati prontamente riparati, anche se in via provvisoria. A voi il video del crash.

Fonte | ACM

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento