in

Citroen: in Francia malcontento tra i dealer

Malcontento tra i dealer francesi di Citroen per un inizio di 2021 davvero negativo a causa della politica commerciale

Citroën La Maison

C’è un po’ di maretta tra i dealer di Citroen in Francia. Infatti nonostante i risultati a livello globale del marchio francese non siano male, quelli registrati tra i concessionari francesi sono nettamente meno brillanti. Per i marchi del gruppo PSA, la buona performance registrata da Peugeot contrasta con i risultati molto negativi riportati dai distributori Citroen all’inizio del 2021, senza contare le perdite abissali della rete Opel. Sebbene il grado di urgenza non sia lo stesso per le due reti, le associazioni di dealer Citroën e Opel hanno deciso di farsi avanti per chiedere un riadeguamento della politica commerciale.

Malcontento tra i dealer francesi di Citroen per un inizio di 2021 davvero negativo a causa della politica commerciale

“Sono in forte perdita all’inizio dell’anno e lo attribuiamo all’inasprimento della politica commerciale e al calo dei volumi. Non possiamo continuare così per quanto riguarda gli investimenti in milioni di euro effettuati dai distributori, ha dichiarato Christophe Deluc, distributore in Dordogna e Gironda (Citroën, DS , Opel, VW, Audi). Riteniamo che gli obiettivi fissati dal marchio siano troppo alti data la gamma attuale, quindi i risultati rispetto a questi obiettivi non vengono raggiunti e non vengono pagati bonus.”

“Inoltre l’attività di officina è in calo in questi primi mesi, fenomeno legato ad un calo complessivo del mercato post vendita ma anche fortemente accelerato in Citroën dall’erosione della flotta negli ultimi anni. Abbiamo avuto un grosso buco nella formazione. Attualmente il C5 Aircross ci sta rimettendo in gara ma soffriamo di una mancanza di produzione sul C4, il cui pre-lancio risale a ottobre 2020” .

Alla fine di febbraio 2021, circa il 60% dei distributori Citroën aveva ricevuto i premi, di cui il 70% a gennaio e meno del 50% a febbraio. “ È necessario che l’85-90% degli operatori della rete possa percepire questi premi. Speriamo in un miglioramento nel mese di marzo ma non recupereremo le perdite di inizio anno”, ha detto il leader. Vedremo dunque come Citroen e più in generale il gruppo Stellantis intenderà risolvere il problema.

Ti potrebbe interessare: Citroën ricorda Robert Opron, il designer che progettò alcuni modelli iconici

 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento