in

Fiat 128: in Argentina si festeggiano 50 anni dal suo debutto nel paese

In Argentina festeggiano l’anniversario dei 50 anni del debutto di Fiat 128 una delle auto più popolari in quel paese di Fiat

Fiat 128
Fiat 128

Fiat è uno dei marchi più radicati in Argentina. Più di 100 anni di storia nella produzione di modelli popolari, molti di grande popolarità e con un’eredità che è stata trasmessa in generazioni di argentini. In Argentina, l’azienda ha continuato il suo sviluppo industriale a un ritmo costante. A riprova eloquente è stato l’impatto ottenuto con la presentazione di una delle vetture più rivoluzionarie e moderne del momento, testimoniato dal clamoroso successo ottenuto in Europa, dove nel 1970 era stata scelta “Auto dell’anno”: la Fiat 128.

In Argentina festeggiano l’anniversario dei 50 anni del debutto di Fiat 128 una delle auto più popolari in quel paese di Fiat

Presentata in Italia nel marzo 1969 come successore della Fiat 1100, la 128 iniziò ad essere prodotta in Argentina dal 1971. Il suo lancio fu un successo, soprattutto perché ruppe con le convenzioni sia dal punto di vista del design che del meccanica.

Il concept del motore posizionato in modo trasversale, che permetteva un migliore sfruttamento dello spazio interno, soprattutto nei sedili posteriori, era una novità, sebbene non l’unica, perché aveva anche la  trazione anteriore.

La cosa curiosa era che i meccanici delle officine di quartiere impiegarono un po’ di tempo ad adattarsi alle sue caratteristiche, poiché per eseguire alcuni lavori di manutenzione avevano bisogno di utilizzare strumenti moderni che all’epoca non avevano. Tuttavia, nel tempo, hanno dovuto accettare le virtù del modello la cui meccanica e layout del motore sono stati successivamente adottati da altri marchi.

In Argentina iniziò a essere prodotta nelle versioni 4 porte, aggiungendo la variante familiare nel 1973 insieme all’arrivo della 128 L (Deluxe). Con la comparsa della 128, la produzione annua della Fiat raggiunse le 60.000 unità. La prima Fiat 128 aveva un motore da 1100 (1.116 cm3) che erogava 63 cavalli ed era associato a un cambio manuale a 4 marce. La sua velocità massima era di 140 km / h.

A partire dal 1973, fu aggiunto il motore 1300, che aveva 71 cavalli e gli consentiva di raggiungere i 145 km / h. Il primo grande cambiamento estetico avvenne solo nel 1978, quando il modello fu ribattezzato 128 Europa. La gamma era composta da tre versioni: 128 Europa C (motore 1100), 128 Europa CL (motore 1300) e 128 Europa Familiar (motore 1100/1300).

Nel 1982, già sotto l’egida di SEVEL (fusione tra Fiat e Peugeot conclusa in Argentina nel 1980), il modello ha aggiunto la versione 128 Europa CL5, equipaggiata con il motore 1300 e un inedito cambio a 5 marce. Come optional, ha aggiunto l’aria condizionata e il lunotto termico. Un anno dopo fu la volta di un nuovo aggiornamento, e con esso arrivò la 128 Super Europa, un modello che accolse il motore 1500 da 82 cavalli (1.498 cm3) per superare la storica 1100.

L’ultimo restyling risale al 1986, quando furono presentate le nuove 128 Super Europa CL (base) e TR (con aria condizionata), entrambe con motore 1300, e la Super Europa 1.5 (full). Il modello continuò ad essere prodotto nello stabilimento di Caseros fino all’uscita dalla linea di produzione nel 1990. In totale sono state vendute in Argentina più di 255.000 unità, in tutte le sue versioni.

Ti potrebbe interessare: Al Mongol Rally due equipaggi italiani a bordo di una vecchia Fiat Panda 4×4 e di una Fiat 128

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento