in

La politica governativa inglese sui veicoli elettrici criticata da Alison Jones di Stellantis

Alison Jones numero uno di Stellantis in UK ha criticato le ultime mosse del governo inglese in tema di auto elettriche

Alison Jones
Alison Jones

La politica del governo del Regno Unito di ridurre gli incentivi all’acquisto di veicoli elettrici mentre sollecita la loro adozione diffusa ha spinto gli acquirenti di auto a “ripensarci”, afferma il capo di Stellantis Alison Jones.

Jones, che è stato nominato Stellantis Country Manager e vicepresidente senior all’inizio di questo mese, ha affermato che la decisione di tagliare la sovvenzione per auto plug-in (PiCG) di ulteriori £ 500 e abbassare il limite a £ 35.000 ha aggiunto confusione e complicato il messaggio prima del divieto del 2030 sulla vendita di auto nuove non elettrificate.

Jones ha dichiarato: “Sappiamo da un anno all’altro che le politiche cambiano con breve preavviso. La sorpresa in questo caso vi è stata prendendo in considerazione il contesto della strategia industriale di fermare la vendita delle nuove auto ICE dal 2030.

“Combinare questo piano con questo ultimo annuncio è stata una sorpresa e molto sgradita.” Jones ha aggiunto: “Al momento sembra che il governo stia guidando il passaggio al 2030 attraverso i soli obiettivi di CO2. È più bastone che carota ed i clienti sono stati di sorpresa dall’ultima modifica.

“Educare il pubblico sui veicoli elettrici dipende dai produttori e dai rivenditori, sì, ma ciò di cui abbiamo bisogno dal governo sono politiche e tasse che supportino la loro adozione e lo rendano attraente. “Quando fanno qualcosa come cambiare l’auto plug-in, si aggiunge uno strato di confusione per i consumatori e complica il messaggio che l’acquisto di un veicolo elettrico è qualcosa che deve essere incoraggiato positivamente.

Oggi il Department for Business, Energy and Industrial Strategy (BEIS) ha annunciato 30 milioni di sterline di investimenti governativi nella tecnologia dei veicoli elettrici e dell’idrogeno per aiutare a lanciare studi sulla creazione di una catena di fornitura del litio nel Regno Unito, miglioramenti nella sicurezza delle batterie e il riutilizzo delle batterie per auto .

Ha indicato che i responsabili politici stavano adottando un nuovo approccio per sostenere l’eliminazione graduale della vendita di nuove auto a benzina e diesel entro il 2030. Jones ha affermato che gli OEM, incluso il super gruppo di produzione di recente costituzione Stellantis  stanno investendo molto in veicoli a combustibile alternativo (AFV) per soddisfare le normative sulle emissioni dell’UE e promuovere il passaggio al trasporto a emissioni zero.

Tuttavia, pur lodando il nuovo prodotto che emerge sul mercato, ha affermato che il governo deve contribuire a fornire il messaggio giusto ai clienti sostenendo gli acquisti. Ha aggiunto: “C’è un costo attribuito allo sviluppo di nuove tecnologie. Tutto ciò pone pressione sui margini. Se il governo vuole accelerare la riduzione di CO2 e non consentirci di vendere nuove auto ICE dal 2030, allora deve contribuire.”

Ti potrebbe interessare: Stellantis nomina Alison Jones capo del Regno Unito e delinea la struttura di gestione

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento