in

Alfa Romeo non pensa che l’elettrificazione minacci la passione nei suoi veicoli

Alessandro Maccolini, responsabile del design esterno dell’Alfa Romeo non vede nell’elettrificazione un ostacolo alla bellezza delle auto del Biscione

Alfa Romeo News

Alessandro Maccolini, responsabile del design esterno dell’Alfa Romeo, ritiene che il marchio italiano, noto per i suoi caratteristici motori a combustione, non veda l’elettrificazione del mondo automobilistico come un ostacolo al mantenimento della “Passione ” e ha sottolineato che le sue auto non perderanno le loro caratteristiche.

Maccolini, che ha partecipato alla presentazione della collana ‘Passione’, che esplora 100 anni di passione del marchio per il design italiano e le influenze che hanno contribuito al suo linguaggio plastico, ha detto durante un incontro con i media che Alfa Romeo non teme la scomparsa dei motori a combustione.

“Passione”, che Alfa Romeo ha definito un “assaggio di San Valentino”, è stato creato in collaborazione con il Centro Stile Alfa Romeo di Torino (Italia) e presenta design esclusivi creati dai designer del Centro Stile.

‘Non abbiamo paura di questa transizione. Cerchiamo di definire cosa è importante per un ‘alfista’ o per qualsiasi altro pilota, perché la passione è importante ma anche una macchina normale per persone normali. Non credo sia un problema’, ha detto Maccolini, arrivato all’Alfa Romeo nel 1997.

All’inizio della sua carriera in Alfa Romeo, Maccolini si è occupato del design interno ed esterno di veicoli come Alfa Romeo 147, 156 SW, 159, MiTo e Giulietta.

Successivamente, come chief designer a partire dal 2011, Maccolini ha guidato lo sviluppo di modelli come 4C Concept, Coupe e Spider, Giulia e Stelvio, oltre a Tonale PHEV Concept, GTA e GTAm.

Il capo progettista dell’Alfa Romeo ha spiegato che spesso gli viene chiesto cosa accadrà al marchio, che ora appartiene a Stellantis, il nuovo gruppo formatosi dopo la fusione di PSA e Fiat Chrysler (FCA), con la graduale elettrificazione del settore.

Maccolini ha riconosciuto che per marchi come “Alfa Romeo o Ferrari, il motore è un elemento importante dell’auto”.

‘Quindi come manteniamo viva l’identità del marchio quando possiamo perdere uno degli elementi delle auto? Il problema per l’Alfa Romeo è come mantenere l’identità. E questo è assolutamente importante perché un’Alfa Romeo deve essere bella in primo luogo. Ecco perché uno dei nostri motti è ‘bellezza necessaria’ ”, ha continuato.

‘Quindi non stiamo parlando del motore, non stiamo parlando della tecnologia, ma stiamo parlando dell’aspetto dell’auto e dell’emozione. Quello che dobbiamo mantenere è l’esperienza. Forse ci sarà un diverso equilibrio tra il motore, il suono e l’aspetto della vettura ”, ha ragionato Maccolini.

“Un veicolo ibrido è più o meno un veicolo classico. Non abbiamo bisogno di soluzioni speciali in termini di aerodinamica o qualcosa del genere. Può essere un’auto normale. Forse in futuro, con l’elettrificazione, lo stile sarà più importante ‘, ha concluso.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo Giulietta 110 Edizione arriva in Messico per celebrare i 110 anni del marchio

 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI