in

Simulatore di guida dinamico da 5 milioni di euro: idea del Politecnico di Milano 

Presentata la prima installazione al mondo di DiM400, il modello più innovativo di questi apparecchi

Lab DriSMi dip. Meccanica

Simulatore di guida dinamico: idea del Politecnico di Milano. Presentata la prima installazione al mondo di DiM400, il modello più innovativo di questi apparecchi. Progettato e ingegnerizzato da VI-grade. Un’acquisizione di valore fondamentale per la ricerca scientifica in ambito automotive. Trattasi di uno strumento unico per lo sviluppo della mobilità sostenibile. Il sistema, costato 5 milioni di euro di cui 2 milioni finanziati da Regione Lombardia, è stato installato nella sede di Bovisa del Politecnico di Milano grazie ad un accordo con Regione Lombardia.

Simulatore di guida dinamico: come funziona

Il simulatore di guida è un sistema nel quale il conducente siede in un abitacolo realistico, vede su un grande schermo panoramico la scena che vedrebbe come se fosse su un veicolo reale, è immerso in un ambiente vibro-acustico simile a quello reale.

Utilizza i comandi del veicolo ricevendo i medesimi feedback che riceverebbe guidando realmente. L’abitacolo è mobile e il conducente è sottoposto esattamente alle stesse forze a cui sarebbe sottoposto nella realtà, in conseguenza delle accelerazioni che il veicolo sviluppa per seguire il percorso impostato alla velocità desiderata.

Il sistema simulatore è quindi in grado di integrare e di rendere apprezzabile al guidatore come funzionano i diversi componenti meccanici, elettrici, pneumatici, idraulici, elettronici ed informatici che determinano le prestazioni del veicolo, e anche la sua connettività ambientale nelle varie condizioni operative.

C’è la possibilità di verificare l’interazione fra utenti della strada e infrastrutture. E di sviluppare studi sulla sicurezza della guida. Una funzionalità, questa, particolarmente importante in un’ottica di mobilità sostenibile e intelligente, per costruire un sistema dei trasporti capace di ridurre congestioni stradali, inquinamento e pericoli.

Infine, i simulatori sono uno strumento fondamentale per la didattica. È possibile trattare anche la ricostruzione degli incidenti stradali.

Strumento prezioso per fare auto pulite

Il simulatore di guida servirà per:

  • la progettazione e costruzione di nuovi veicoli ecologici,
  • lo sviluppo di componenti con impiego innovativo di materiali,
  • le applicazioni relative alla dinamica del veicolo,
  • l’ottimizzazione dei consumi,
  • capire il funzionamento di sistemi di sicurezza attiva (ADAS)
  • applicazioni di guida autonoma.

Auto super tecnologiche: il futuro

Per Fabrizio Sala, assessore all’Istruzione della Regione Lombardia, la decisione di investire su questa infrastruttura è nata da una precisa analisi di contesto: l’80% del valore dei veicoli dipende dalla componentistica. Cioè dalle tecnologie applicate dalle aziende che producono le diverse parti delle vetture. Un settore che in Lombardia è molto sviluppato con oltre 1000 aziende nella filiera meccanica, plastica ed elettronica per l’automotive.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento