in

Stellantis: grazie alla fusione Faurecia riacquista la sua autonomia

Faurecia riacquista la sua libertà grazie alla fusione di PSA con Fiat Chrysler e alla conseguente nascita di Stellantis

Faurecia riacquista la sua libertà. L’ex gruppo PSA, prima della fusione con Fiat Chrysler per dare vita a Stellantis, aveva ceduto il 7% del capitale del fornitore automobilistico. Stellantis, che ha contemporaneamente perso il doppio diritto di voto di PSA, detiene ora solo il 39% delle azioni di Faurecia. Ciò provocherà “una nuova responsabilità”, stima Patrick Koller, CEO di Faurecia, evocando “sicuramente più indipendenza e più autonomia strategica”.

Faurecia riacquista la sua libertà grazie alla fusione di PSA con Fiat Chrysler e alla conseguente nascita di Stellantis

“È ovvio che, non dovendo più coordinare o sincronizzare le nostre agende strategiche, questo ci dà più libertà”, assicura il manager, intervistato questo martedì mattina. “PSA, fin dall’inizio, ha compreso appieno l’interesse per lo sviluppo di Faurecia nel distinguere tra azionista e cliente. Ciò era perfettamente compreso dal mercato e quindi non abbiamo mai avuto problemi da questo punto di vista “, ha detto Patrick Koller.

Inoltre, la nascita di Stellantis “è un’opportunità per noi perché le nostre quote di mercato sono molto maggiori con PSA che con Fiat Chrysler, e il dispiegamento di piattaforme comuni dovrebbe aiutarci meccanicamente”, ha concluso il numero uno di Faurecia in questa interessante intervista.

Ti potrebbe interessare: PSA annuncia il completamento della vendita di una parte della sua partecipazione in Faurecia

Faurecia riacquista la sua libertà grazie alla fusione di PSA con Fiat Chrysler e alla conseguente nascita di Stellantis

Ti potrebbe interessare: Stellantis convoca i suoi azionisti per decidere sulla distribuzione delle azioni Faurecia

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Lascia un commento