in

Il video scioccante dell’auto con 0 stelle per la sicurezza

Un video mostra cosa accade in un’auto che riceve zero stelle nei crash test al momento dell’impatto

Crash Test
Crash Test

L’organizzazione Global NCAP, in collaborazione con AA South Africa, ha realizzato una nuova edizione di “#SaferCarsForAfrica”, un’iniziativa che mira a rendere visibili ed evidenti attraverso video casi come quello che vi riportiamo di seguito. Auto come la Renault Kwid, la Haval H1 o la Great Wall Steed 5 sono state le vetture scelte per superare un crash test.

Tuttavia, particolarmente sorprendenti sono stati i risultati di quest’ultimo veicolo, uno dei pick-up più popolari nel continente africano (conosciuto come “bakkies”) e della Cina. Come potete vedere nel video, il Great Wall Steed 5 è stato sottoposto a crash test a 64 km / h. Solo guardando come reagiscono il veicolo e i manichini all’interno, è possibile avere un’idea del motivo per cui ha ricevuto zero stelle.

Il manichino del guidatore è praticamente rosso, un colore che rappresenta i diversi colpi che ha ricevuto durante l’impatto. È inoltre possibile visualizzare il punteggio di 0 stelle per il conducente e solo 1 per la protezione del passeggero bambino.  Questo è quello che succede per non avere gli ancoraggi Isofix nei sedili posteriori.

Anche il Great Wall Steed 5, nella sua versione base (che non include gli airbag), riceve commenti negativi che ne mettono in dubbio la sicurezza. Gli occupanti avrebbero ricevuto colpi significativi in ​​”aree critiche del corpo” , come la testa, il collo o il torace. Global NCAP ha già chiesto una revisione degli standard di sicurezza dei veicoli in Africa. ” È un bisogno urgente “, dicono.

Ti potrebbe interessare: La nuova Jeep Wrangler riceve 1 stella su 5 nei Crash Test di Euro NCAP

Ti potrebbe interessare: Fiat Panda ottiene zero stelle nei crash test di Euro NCAP

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento