in

Maserati: a Grugliasco 3 giorni di cassa integrazione

La FIOM di Torino ha comunicato nelle scorse ore che Fiat Chrysler Automobiles ha annunciato 3 giorni di cassa integrazione nello stabilimento di Maserati a Grugliasco

fca mirafiori grugliasco

La FIOM di Torino ha comunicato nelle scorse ore che Fiat Chrysler Automobiles ha annunciato 3 giorni di cassa integrazione nello stabilimento di Maserati a Grugliasco. Lo stop alla produzione riguarderà tutti e 1.337 dipendenti dello stabilimento. Le giornate in cui avverrà il fermo produttivo sono il 3, il 4 e il 7 dicembre 2020. 

La FIOM di Torino ha comunicato che Fiat Chrysler ha stabilito 3 giorni di cassa integrazione nello stabilimento di Maserati a Grugliasco

Lo stop è dovuto al calo della domanda per le auto di Maserati prodotte in quella fabbrica. Questo principalmente a causa della crisi sanitaria dovuta all’epidemia di coronavirus. Il segretario generale della Fiom Cgil di Torino Edi Lazzi e il responsabile della Maserati per la Fiom Gianni Mannori hanno commentato questo stop.

I due sindacalisti hanno detto che dopo la fusione di Fiat Chrysler con PSA che darà origine a Stellantis il nuovo gruppo dirigenziale dovrà dare precise indicazioni e certezze sul futuro dello stabilimento alla città. Vedremo dunque come si evolverà la situazione a Grugliasco e cosa accadrà quando finalmente il gruppo Stellantis sarà una realtà. Si spera ovviamente che la situazione dello stabilimento possa nettamente migliorare nei prossimi anni.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo Tonale, Maserati MC20, Fiat Tipo Cross e fusione FCA-PSA: le migliori news della settimana

La FIOM di Torino ha comunicato che Fiat Chrysler ha stabilito 3 giorni di cassa integrazione nello stabilimento di Maserati a Grugliasco

Ti potrebbe interessare: FCA: continua la crisi a Grugliasco, contratti di solidarietà sino a giugno e 1.500 esuberi temporanei

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento