in

Quale futuro per la riparazione auto

Sono ancora lontane le prospettive di ripresa dalla pandemia per il settore dell’assistenza auto

auto futuro

Quale futuro per la riparazione auto? Domanda logica in piena pandemia: oggi pochi vanno dal meccanico. Ci si tiene i soldi e si rimandano le spese. Soltanto il 14% delle officine di autoriparazione prevede di ripristinare l’attività di officina ai livelli pre-Covid già entro la fine del 2020. Vi è poi un 20% delle officine che  pensa a un ritorno alla normalità nel corso del primo trimestre del 2021 e un 28% che dichiara di attendersi una ripresa nel secondo trimestre del 2021.

Quale futuro per l’assistenza auto: dopo il Covid

Ma quando si torna alla normalità? La maggioranza delle officine (38%) sostiene che una situazione “normale” tornerà avverrà soltanto a partire dalla seconda metà del 2021. È quanto emerge da un’indagine speciale dell’Osservatorio Autopromotec condotta in ottobre su un campione rappresentativo di officine di autoriparazione del nostro Paese.

E il fatturato delle officine nell’anno in corso rispetto all’anno precedente? Il 18% degli intervistati ha affermato che nel 2020 il fatturato è aumentato, il 39% che è rimasto stabile e il 43% che è diminuito.

A incidere sul calo è sicuramente il fatto che, in particolare nel periodo del lockdown nazionale a cavallo tra i mesi di marzo e maggio scorsi, gli autoriparatori si sono trovati alle prese con una drastica diminuzione della quantità di interventi d’officina a causa delle stringenti restrizioni alla circolazione.

Sicurezza stradale, massima cautela

Certo che con le revisioni ferme per il Covid, le officine che lavorano meno, le patenti prolungate, gli esami rimandati, le persone che viaggiano con Foglio rosa, la sicurezza stradale ne risente parecchio. Il rischio è quello di un esercito di auto che divengono mine vaganti insicure.

Si spera in un ritorno quanto prima alla normalità in Italia per la documentazione necessaria alla guida e per le riparazioni facoltative, come per le revisioni obbligatorie.

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento