in

Maserati ricorda la “Tipo 300S” di Juan Manuel Fangio al GP del Venezuela

Maserati ha ricordato la vittoria di Juan Manuel Fangio nel Gp del Venezuela a bordo di una Maserati Tipo 300S

Maserati Tipo 300S
Maserati Tipo 300S

Il 6 novembre 1955, la Maserati Tipo 300S, con Juan Manuel Fangio al volante, fu la prima a prendere la bandiera a scacchi al GP del Venezuela, segnando l’inizio di due anni di grandi successi che hanno rafforzato la reputazione del Marchio del Tridente a livello internazionale. Maserati ricorda questa importante vittoria, per sottolineare il suo forte legame con il mondo del motorsport. Maserati è nata in pista, da un insieme unico di DNA da corsa e coraggio, prima dai fratelli Maserati, e poi dai loro piloti.

Una tradizione e una storia di vittorie su strade e circuiti di tutto il mondo, dove le vittorie del Tridente lo hanno reso portabandiera dell’eccellenza italiana. Le corse sono sempre state l’habitat naturale di Maserati: è nella competizione che nasce il suo mito, e anche adesso, con la sua nuova Era, il Brand riparte dalle radici costruendo il suo futuro. La nuova supercar MC20 segnerà il ritorno di Maserati nel mondo delle corse.

La Maserati Tipo 300S nasce nel 1955 come evoluzione della monoposto 250S, e fu stata il simbolo della Maserati nelle corse internazionali fino al 1959. Nel 1954, con lo sviluppo del prototipo 250S equipaggiato con un motore 2,5 litri da 230 CV derivato dall’unità montata sulla 250F da corsa utilizzata in F1, lo staff tecnico Maserati iniziò a lavorare per aumentare cilindrata e potenza.

Il risultato fu il sei cilindri in linea da 3,0 litri più potente e performante, ma con meno stress meccanico dovuto al rapporto di compressione più basso e ai regimi rassicuranti bassi, nonostante la maggiore velocità del pistone.

Il resto dell’architettura e dei dettagli del motore erano gli stessi del sei cilindri in linea da 2,5 litri, inclusi due alberi a camme in testa e la doppia accensione: i concetti di costruzione del Gran Premio erano stati trasferiti a una vettura sportiva e, in futuro, gli stessi meccanismi verranno adottati anche per la produzione di serie.

Dal punto di vista ingegneristico, la Maserati Tipo 300S fu un vero capolavoro: le sedi delle valvole di grande diametro e le due cavità delle candele per la doppia accensione erano ben visibili nella camera di combustione emisferica del motore. La sospensione anteriore consisteva in doppi bracci trasversali e una molla elicoidale con un ammortizzatore telescopico coassiale.

Infine, il tamburo del freno fu una vera opera di ingegnosità: la fusione in lega leggera aveva alette radiali e fori per la dispersione del calore. Anche il telaio era stato modificato per rispondere ai maggiori sforzi derivati ​​dall’aumento di peso, con un reticolo di tubi ovali e tondi.

L’allestimento esterno, con carrozzeria Fantuzzi e linee da vettura sportiva, era solido ma gradevolmente proporzionato. La grande presa d’aria anteriore portava il tradizionale tridente incorniciato da profili in alluminio e il sedile del guidatore era protetto da un piccolo parabrezza.

Ti potrebbe interessare: Maserati MC20: in Portogallo vendute quasi la metà delle unità messe a disposizione

Nel 1955 la Maserati Tipo 300S vinse il GP del Venezuela con Juan Manuel Fangio al volante, ma il 1956 fu l’anno dei suoi più grandi trionfi, e in cui mancò a malapena il campionato del mondo sportivo.

L’affidabilità del suo motore e la perfetta risposta del suo telaio furono le due caratteristiche principali che permisero alla Maserati Tipo 300S di raggiungere il suo meritato successo.

Nella 300S, nel 1956, Stirling Moss e Carlos Menditeguy vinsero i 1.000 km di Buenos Aires, e Pietro Taruffi vinse il Giro di Sicilia (1 ° di classe fino a 3.000 cc) e la Targa Florio (1 ° di classe fino a 2000 cc), Jean Behra nelle gare dei circuiti di Bari e Castelfusano e Franco Bordini nella Cinque Ore di Messina.

Nello stesso anno, la vettura ebbe successo sulla 1.000 km del Nürburgring, con Stirling Moss, Jean Behra, Pietro Taruffi e Harry Schell che si alternarono al volante. La nuova 450S più potente fu introdotta nel 1957, sebbene la 300S rimase in produzione fino al 1959. Il numero totale di unità di Maserati Tipo 300S prodotti tra il 1955 e il 1959 è stato di 27.

Ti potrebbe interessare: Maserati Tipo V4: il Tridente ricorda il record di Cremona di 90 anni fa

Maserati Tipo 300S
Maserati Tipo 300S
Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento