in ,

Alfa Romeo: crollano le vendite in Europa nel primo trimestre del 2020

A marzo le consegne calano del -81%

Come ampiamente prevedibile, il primo trimestre del 2020 si chiude con un forte calo per tutto il mercato delle quattro ruote europeo che registra una riduzione delle vendite del -25.6% legata al crollo del mese di marzo (-55%) dovuto allo scoppio della pandemia di Coronavirus che ha causato un vero e proprio blocco del mercato e che, di certo, influenzerà negativamente anche il mese di aprile e, molto probabilmente, tutto il primo semestre del 2020.

Per Alfa Romeo, che già aveva chiuso in forte calo i primi due mesi, il mese di marzo è stato davvero drammatico con appena 890 unità vendute in tutta Europa di cui poco meno di 300 arrivano dal mercato italiano, il più colpito dalla crisi a causa della diffusione del Coronavirus iniziata proprio nel nostro Paese. Per Alfa Romeo, il mese di marzo si chiude con un calo delle vendite del -81%. 

Il primo trimestre del 2020 per Alfa Romeo termina con 6.982 unità vendute in Europa e, quindi, con un netto calo rispetto ai dati raccolti lo scorso anno. A causa del mese di marzo disastroso, le vendite del marchio italiano nel corso del primo trimestre fanno registrare un calo del -46% rispetto ai dati dello scorso anno. Per Alfa Romeo, dopo i primi tre mesi dell’anno, la quota di mercato è pari allo 0.3%.

Ricordiamo che Alfa Romeo negli USA ha registrato un calo limitato nel primo trimestre del 2020 arrivando a vendere più della metà di quanto fatto in Europa nello stesso periodo di tempo.

Vendite in calo in tutti i principali mercati europei

In Italia, primo mercato del brand, il primo trimestre si chiude con poco meno di 4 mila unità vendute e con un calo percentuale del -46% rispetto ai risultati raccolti nel corso dello stesso periodo dello scorso anno. I dati negativi arrivano però da tutti i principali mercati continentali, anche dove la pandemia di Coronavirus ha avuto un impatto minore o scoppiata con qualche settimana di ritardo rispetto a quanto registrato in Italia.

In Germania, secondo mercato europeo di Alfa Romeo, il brand fa segnare 660 unità vendute con un calo percentuale del -33% nel confronto con i dati del primo trimestre dello scorso anno. Nel Regno Unito, invece, le vendite si fermano a 644 unità con un calo percentuale del -37% nel confronto con i dati raccolti nel corso dei primi tre mesi dell’anno passato.

Nel primo trimestre del 2020, il marchio italiano ha venduto 360 unità in Francia, registrando un calo delle consegne del -60%, e 517 unità in Svizzera dove il calo delle vendite, nel confronto con il primo trimestre dello scorso anno, è limitato al -33%. Da notare che la Spagna, dove la pandemia ha fatto registrare un impatto simile a quello avuto in Italia, non ha diffuso i dati definitivi sulle vendite per il mese di marzo.

Alfa Romeo: già è tempo di guardare al 2021

Il 2020 sarà un anno di transizione per tutto il mercato delle quattro ruote in Europa (e non solo) con molti costruttori che già puntano sul secondo semestre per tentare di rilanciare le vendite che, tra marzo e giugno, saranno sensibilmente inferiori rispetto al passato. Per Alfa Romeo, invece, è probabilmente già arrivato il momento di guardare al prossimo anno.

Nel corso del 2020, infatti, è attesa la fine della produzione della Giulietta (che potrebbe non essere più prodotta quando lo stabilimento di Cassino riaprirà a maggio) mentre Giulia e Stelvio hanno già ricevuto il Model Year 2020 che, nei primi mesi dell’anno, ha avuto un impatto molto limitato sulle vendite (in calo praticamente ovunque anche se in misura minore per la Giulia).

E’ tempo quindi di concentrarsi sul 2021, un anno chiave per il futuro di Alfa Romeo. Il prossimo anno, infatti, il marchio italiano porterà sul mercato il restyling di metà carriera di Giulia e Stelvio, che segnerà anche il debutto delle attese varianti mild hybrid. Sempre per il prossimo anno è atteso al debutto anche il nuovo Alfa Romeo Tonale, il C-SUV che dovrebbe entrare in produzione nel secondo semestre del 2021 come confermato recentemente da FCA in occasione di un evento tenuto a Pomigliano d’Arco, futura sede di produzione del C-SUV.

Per il trimestre appena iniziato i dati di vendita di Alfa Romeo avranno un significato davvero limitato. L’obiettivo prioritario della casa italiana è superare la crisi e farsi trovare pronta all’avvio del nuovo (ed ennesimo) piano di rilancio che prenderà il via nel 2021. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti.