in ,

FCA: vendite in calo a febbraio in Europa, pesano i dati negativi di Jeep

Ecco come vanno le vendite di FCA in Europa

Il gruppo FCA chiude in negativo il mese di febbraio in Europa, considerando i dati di vendita raccolti nei mercati UE, nei mercati EFTA e in Regno Unito. Il gruppo, infatti, ha venduto 75 mila unità in Europa nel corso del mese di febbraio facendo registrare un calo di oltre 5 mila unità rispetto ai dati del febbraio dello scorso anno. Il calo percentuale fatto segnare da FCA sul mercato europeo è del -6.9%, un risultato in linea con l’intero mercato europeo (-7.8%) che si traduce in una quota di mercato stabile al 7%.

Nel parziale annuo, ovvero nel periodo compreso tra gennaio e febbraio, FCA ha venduto un totale di 143 mila unità in Europa, con un calo di 10 mila unità rispetto ai dati dello scorso anno. In questo caso, il calo percentuale è del -6.6% (un dato migliore rispetto al resto del mercato europeo che cala del -7.4%) e la quota di mercato è del 6.5%, in leggera crescita rispetto allo scorso anno.

Il gruppo FCA è ora il sesto gruppo in Europa per unità vendute alle spalle di Volkswagen, in calo del -2.2%, PSA, in calo del -11.3%, Renault, in calo del -15%, Hyundai, in calo del -1.9%, e BMW, in crescita del +3.1%. Considerando il futuro gruppo formato da FCA e PSA, invece, le vendite complessive arrivano a circa 500 mila unità, un dato abbastanza vicino alle 567 mila unità vendute dal gruppo Volkswagen.

Vediamo ora come stanno andando le vendite dei singoli brand di FCA.

Fiat

Il marchio Fiat ha chiuso un mese di febbraio positivo facendo registrare un totale di 54 mila unità vendute con una crescita percentuale del +1.6% rispetto ai dati raccolti nel corso del febbraio dello scorso anno. Per il brand torinese, la quota di mercato è salita dal 4.6% al 5.1% per quanto riguarda il solo mese di febbraio.

Nel parziale annuo, Fiat si porta a 101 mila unità vendute, un risultato praticamente in linea con quello dello scorso anno (il calo percentuale è dello 0.3%). In questo caso, la quota di mercato di Fiat è del 4.6%, in crescita di 0.3 punti rispetto ai dati dello scorso anno.

Jeep

Continua il momento negativo di Jeep che paga, molto probabilmente, il cambio di stabilimento produttivo della Compass che da febbraio è prodotta in Italia, a Melfi, ma ancora con volumi ridotti. Il brand americano si ferma a poco meno di 11 mila unità vendute con un calo del -32.6% rispetto ai risultati ottenuti lo scorso anno ed una quota di mercato dell’1%.

Nel parziale annuo, invece, Jeep si ferma a 22 mila unità vendute con un calo percentuale del -23.9% rispetto ai risultati ottenuti nel corso dello scorso anno. Il brand americano ha registrato un calo di circa 7 mila unità. La quota di mercato di Jeep per i primi due mesi dell’anno scende dall’1.2% all’1%.

Lancia

Continuano in modo stabile le vendite di Lancia. Il brand italiano, infatti, ha venduto quasi 6 mila unità di Ypsilon nel corso del mese di febbraio registrando una crescita del +1.8%. Nel parziale annuo, Lancia si ferma a 12 mila unità vendute con un calo del -2.1% rispetto ai risultati ottenuti nel corso dei primi due mesi del 2019.

Ricordiamo che in queste settimane Lancia ha svelato la nuova Ypsilon Hybrid, la versione mild hybrid della sua city car che riprende lo stesso comparto tecnico di Panda e 500 Hybrid. La nuova variante elettrificata della Ypsilon sarà in concessionaria nel corso dei prossimi mesi (quando sarà finito l’effetto della pandemia di Coronavirus).

Alfa Romeo

Come abbiamo visto nel nostro articolo d’approfondimento pubblicato oggi, Alfa Romeo chiude il mese di febbraio con un totale di 3.405 unità vendute ed un calo del -21.5% rispetto ai dati raccolti nel corso del febbraio dello scorso anno. Nel parziale annuo, il marchio italiano si ferma a 6.804 unità vendute facendo registrare un calo del -26%. La quota di mercato di Alfa Romeo è pari allo 0.3%.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento