in

Maserati annuncia i piani per l’elettrificazione ma dimentica Levante e Quattroporte

Il marchio del Tridente ha rilasciato un nuovo comunicato ufficiale annunciando l’arrivo dei nuovi progetti senza citare i restyling di Levante e Quattroporte

Il nuovo piano industriale di Maserati, annunciato lo scorso luglio, rappresenta una vera e propria svolta per il marchio del Tridente che potrà contare su 10 novità che andranno a rinnovare completamente la gamma tra il 2020 ed il 2023. Dopo aver chiuso un 2019 disastroso, sotto tutti i punti di vista, il brand italiano si prepara ad entrare in una nuova fase della sua storia che sarà caratterizzata da una completa elettrificazione della gamma.

Per il suo futuro, quindi, Maserati punterà tantissimo sull’ibrido, con soluzioni mild hybrid e, soprattutto, soluzioni plug-in hybrid, e sull’elettrico al 100% con l’arrivo dei primi progetti che dista poco più di un anno. Lo sviluppo della gamma intorno alle soluzioni d’elettrificazione rappresenta il punto di riferimento assoluto del piano industriale di Maserati.

In queste ore, Maserati ha confermato quanto già anticipato dal piano industriale andando ad annunciare i piani di sviluppo e produzione della nuova gamma elettrificata. Ecco quanto rivelato dal brand:

Si parte con la nuova Maserati Ghibli

Come già annunciato nei mesi scorsi, Maserati avvierà il piano di elettrificazione della sua gamma con il lancio della nuova Maserati Ghibli, un importante restyling dell’attuale entry level della gamma che potrà contare, come elemento centrale, sulla nuova versione ibrida. Per ora, la casa del Tridente non è entrata nei dettagli tecnici della nuova Ghibli ibrida.

La vettura, secondo rumors delle scorse settimane, dovrebbe presentare un sistema ibrido plug-in basato su di un nuovo motore quattro cilindri turbo benzina 2.0 da 330 CV che sarà abbinato ad un motore elettrico ed ad un pacco batterie, in grado di garantire un’autonomia complessiva pari a circa 50 chilometri in modalità a zero emissioni.

La nuova Maserati Ghibli ibrida dovrebbe debuttare ad aprile, in occasione del Salone dell’auto di Pechino 2020. La fiera cinese, a causa della diffusione del Coronavirus, è ancora a rischio cancellazione ma Maserati non ha intenzione di anticipare i piani svelando in anticipo la nuova Ghibli elettrificata. La casa del Tridente, ricordiamo, non sarà al Salone di Ginevra 2020 di marzo.

Ibrido anche per Levante e Quattroporte?

Nel piano industriale annunciato nel corso del mese di luglio dello scorso anno, per il 2020 venivano confermati i debutti dei restyling di Quattroporte e Levante. Esattamente come annunciato per la Ghibli, il restyling dei due modelli dovrebbe portare con sé l’attesa variante ibrida che, probabilmente, utilizzerà lo stesso sistema basato sul nuovo quattro cilindri turbo.

Sottolineiamo però che nel comunicato stampa diffuso oggi da Maserati non si fa riferimento alle novità in arrivo per Levante e Quattroporte. Probabilmente si tratta di una dimenticanza e difficilmente il nuovo piano industriale del marchio prenderà il via con la cancellazione di due progetti annunciati circa 6 mesi di fa.

L’arrivo dei restyling di Levante e Quattroporte dovrebbe essere fissato per la seconda metà del 2020. Molto probabilmente ne sapremo di più in occasione della presentazione della Ghibli ibrida tra qualche mese.

GranTurismo e GranCabrio saranno le prime elettriche al 100%

A partire dal 2021 inizierà l’avventura di Maserati nel settore delle auto elettriche al 100%. La casa del Tridente, infatti, ha confermato che le nuove generazioni di GranTurismo e GranCabrio, attese rispettivamente per il 2021 e per il 2022, saranno le prime vetture del brand ad adottare soluzioni al 100% elettriche. 

Il punto centrale della produzione delle elettriche di Maserati sarà lo stabilimento di Mirafiori (dove a breve inizierà la produzione anche della Fiat 500 Elettrica). Lo stabilimento piemontese diventerà “un polo mondiale dedicato all’elettrificazione ed alla mobilità del futuro e sarà destinato per gran parte alla produzione delle nuove vetture elettrificate” fa sapere Maserati.

Nuova sportiva a Modena dal 2020, nuovo SUV a Cassino dal 2021

A completare i piani futuri di Maserati ci sarà il debutto della nuova “super sportiva” che sarà la prima delle nuove Maserati “made in Modena”. Lo stabilimento modenese di Maserati è attualmente in fase di aggiornamento e diventerà un punto centrale della produzione del brand.

La nuova sportiva, che sarà presentata nel corso del prossimo mese di maggio, diventerà il nuovo simbolo del marchio Maserati. Il progetto potrà contare su di un motore V6 sviluppato da Maserati (come già confermato ufficialmente) e sarà realizzato anche in una “versione elettrica” di cui, per ora, la casa del Tridente non ha diffuso alcun dettaglio. Per il 2021 è atteso il debutto della versione Cabrio della nuova sportiva che sarò prodotta sempre a Modena.

Sarà necessario attendere sempre il 2021 per il debutto del nuovo Maserati D-SUV. Il progetto, che può contare su di un investimento di circa 800 milioni di Euro, verrà realizzato nello stabilimento di Cassino. La partenza dei lavori di produzione è fissata per la fine del primo trimestre del 2020 mentre l’uscita dalla linea di produzione dei primi modelli pre-serie è attesa entro la fine del 2021. Al momento, non c’è ancora una data precisa ma il D-SUV potrebbe debuttare ad inizio del prossimo anno.