in

Total: 20mila nuove colonnine elettriche in Olanda

Entro il 2025 conterà 150mila infrastrutture in Europa

Total

Total, il colosso multinazionale francese del petrolio, ha annunciato che installerà e gestirà fino a 20.000 nuove stazioni di ricarica per veicoli elettrici pubblici nei Paesi Bassi (4.500 quelle già presenti nel Paese), parte integrante delle 150mila previste in tutta Europa. L’azienda è allineata con Shell e BP per fare grandi investimenti sulle infrastrutture dedicate alle auto a zero emissioni.

Una collaborazione multi-governativa, denominata Metropolitan Region Amsterdam Electric, ha assegnato la commissione. Concessione, secondo quanto riferito, la più importante del genere in Europa. Coprirà tre province – North-Holland, Flevoland e Utrecht – un’area che serve 3,2 milioni di residenti.

Total Netherlands è già il principale operatore nella regione MRA-Electric, con oltre 4.500 colonnine. L’azienda ha sviluppato notevole esperienza e capacità nel settore. Da contratto, fornirà il 100 per cento dell’energia alla rete EV attinta da energia rinnovabile, come quella solare ed eolica.

Total: 150mila colonnine entro il 2025

In una dichiarazione ufficiale, Alexis Vovk, presidente per il marketing e i servizi di Total, ha dichiarato che per la società proporre servizi così affidabili, alimentati da elettricità pulita e rinnovabile, è un passo significativo e senza precedenti verso la mobilità sostenibile. È in linea con la loro ambizione di gestire 150mila centri di ricarica in Europa entro il 2025 e di diventare uno dei principali player nel campo.

Le allettanti agevolazioni hanno portato a un drastico aumento delle vendite di mezzi elettrici nei Paesi Bassi. Per il 2019, sono aumentate di circa il 150%. Il take rate è stato di circa il 15% dell’ammontare complessivo. Tre anni fa, quando Total ha annunciato i piani, il CEO Patrick Pouyanne aveva preannunciato i piani vagliati.

Nel corso dell’ottobre 2018, ChargePoint e Total Gas & Power hanno annunciato una partnership con i rivenditori per offrire soluzioni specifiche lungo l’intero Regno Unito. Esattamente quattro mesi prima, BP aveva assorbito Chargemaster, la principale rete della Gran Bretagna. All’epoca, BP disse che il numero di veicoli elettrici nel Regno Unito era destinato a crescere da 135mila unità a 12 milioni entro il 2040. Al momento dell’operazione, Chargemaster – ribattezzata BP Chargemaster – disponeva di 6.500 punti di ricarica.

Nessun’altra compagnia petrolifera ha fatto passi tanto significativi nell’erogazione di carburante di Shell. Nel 2017 ha acquistato la NewMotion con sede in Olanda, che allora contava su oltre 30mila punti di ricarica in tutta l’Europa occidentale.

La mossa della Shell

Un anno fa, Shell ha acquistato Greenlots, azienda con sede a Los Angeles che sviluppa tecnologie di ricarica e gestione opportune. Electrify America, la consociata di Volkswagen, utilizza Greenlots come spina dorsale tecnologica.

Nell’ottobre 2019, Shell ha annunciato l’intenzione di diventare la prima realtà in Grande Bretagna ad estrarre i carburanti tradizionali da una stazione di servizio e a sostituirli con un hub per il rifornimento delle vetture elettriche. Bernie Williamson, direttore generale di Shell UK Retail, ha illustrato le ragioni. In sostanza, si tratta di far prosperare attraverso la transizione energetica. Stanno guardando alla prossima evoluzione e alle esigenze dei loro clienti in senso lato.

Stanno realizzando soluzioni basate sulla natura, dando agli automobilisti l’opportunità di fare qualcosa per la loro carbon footprint, mentre continuano a destinare soluzioni e a sviluppare soluzioni a lungo termine di colonnine per chiunque sia pronto alla transazione ecosostenibile. Pertanto, occupano la posizione ideale, con una rete fantastica dove oltre il 75% della popolazione si trova a 15 minuti da una stazione di servizio Shell. Sia Shell che Total hanno accordi di sponsorizzazione insieme alla Formula E, la serie di corse interamente elettriche.

Presa di coscienza

Ci sono due modi per prendere le notizie su Big Oil che si fa strada nella ricarica dei veicoli elettrici. Da un lato, è rischioso. Queste imprese vanno avanti a rappresentare il peggio dell’estrazione globale e delle emissioni di carbonio.

Dall’altro lato, è un chiaro segno che la pacchia è finita. Riconoscendo una perdita di entrate, le compagnie petrolifere si stanno preparando ad un esodo di massa lontano dalla combustione interna. Va contrastato qualsiasi tentativo di minare il basso costo e l’uso abbondante di energia pulita disponibile direttamente da casa.

Total: player di prima fascia

Presente in più di 130 Paesi, Total è una delle maggiori compagnie petrolifere e gasifere internazionali, nonché un player di prima fascia delle energie a basso tenore di carbonio. Sotto diverse forme fino al cliente finale, scopre, produce, trasforma, commercializza e distribuisce. Impegnati per il miglioramento del clima, i 98mila collaboratori del Gruppo contribuiscono ovunque nel mondo a fornire prodotti e servizi più sicuri, efficaci, puliti, accessibili ed innovativi.

Tramite il marchio omonimo ed ELF offre nel nostro Paese lubrificanti nei seguenti settori: Autotrazione, Marina e Industria, Prodotti Speciali che supportano i clienti nelle future sfide ambientali e legislative. Di giorno in giorni i ricercatori lavorano nel centro di R&S di Solaize in Francia per rispondere alle esigenze crescenti dei costruttori, in linea coi paletti normativi più severi, migliorando le prestazioni dei motori. Dalla stretta sinergia con gli ingegneri dei costruttori è nata la gamma Fuel Economy, grazie a cui percorrere più chilometri con meno carburante, ottenendo di conseguenza una riduzione delle emissioni inquinanti. La disponibilità degli articoli è garantita da due principali fonti di approvvigionamento: l’attività locale e l’import dalla Francia.

Ciò consente di trarre appieno beneficio delle necessità del mercato locale assicurando il miglior rapporto costi/benefici per qualsiasi referenza disponibile. In virtù dell’accordo stretto con la società Iglom di Massa e ad impianti altamente sofisticati anche le attività locali rispettano standard qualitativi molto elevati. Situato poco distante, l’hub logistico permette il massimo livello di ottimizzazione delle tempistiche.

I canali distributivi

I canali distributivi sono stati selezionati in base a criteri ben specifici per una presenza capillare sul territorio e flotte attrezzate. L’impegno nel Motorsport si traduce sia nelle 2 sia nelle 4 ruote, accanto a partner di altissimo profilo in competizioni di caratura nazionale e internazionale. Sulla base delle conoscenze maturate nell’esperienza pratica, l’organico interno ha la capacità di usufruirne nel quotidiano.

 

 

 

 

 

 

 

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento