in

FCA e PSA: la fabbrica di Rennes prima vittima della fusione?

A Rennes cresce la rabbia per la rinuncia alla produzione di un nuovo modello

Fusione FCA PSA

Delusione e rabbia” sono le parole usate dall’eletto CFDT al termine di una riunione del Comitato misto strategico organizzata venerdì 15 novembre dalla direzione del gruppo PSA a Parigi. L’obiettivo era presentare il Piano a medio termine (MTP) per tutti i siti del gruppo. “I dipendenti del sito di Rennes la Janais, preoccupati per il futuro del loro lavoro, stavano aspettando che la direzione annunciasse un progetto per la produzione di un veicolo con volumi di produzione per saturare le strutture.” Nulla all’orizzonte per l’industria automobilistica in Bretagna, che rappresenta ancora circa 8000 dipendenti “.

L’ansia e l’incertezza dei dipendenti deriva della fusione tra PSA e il gruppo Fiat Chrysler. Secondo il CFDT, per salvaguardare la produzione a Rennes dovranno essere prodotti più di un modello. “Attualmente i 3087 dipendenti producono la C5 Aircross e la 5008 ma quest’ultimo è stato spostato nello stabilimento di Sochaux. Nel 2020, solo la C5 Aircross verrà prodotta sul sito di Rennes con tutti i rischi associati ad ‘una singola produzione di prodotto.’

“Nonostante il successo del C5 Aircross, il CFDT è consapevole che entro il 2023 i volumi di produzione saranno insufficienti”. I dipendenti vorrebbero essere in grado di produrre un nuovo modello entro il 2022. “Negli ultimi anni, i dipendenti sono stati pronti ad accettare molte novità, in particolare con accordi di competitività per salvaguardare l’occupazione e le autorità locali hanno anche contribuito a garantire il futuro a lungo termine dell’industria automobilistica nella regione della Bretagna. Ma a quanto pare tutto questo è accaduto invano ”

Ti potrebbe interessare: PSA rispetterà “scrupolosamente” gli obiettivi europei di riduzione delle emissioni