in

Auto elettriche: la Cina potrebbe applicare dei nuovi tagli agli incentivi

Il 2020 potrebbe non iniziare al meglio per gli automobilisti cinesi che vogliono passare all’elettrico

Auto elettriche Cina incentivi

Il mercato cinese delle auto elettriche è fra i più importanti del mondo. Tuttavia, negli ultimi mesi si sono registrate delle vendite inferiori rispetto al passato che hanno preoccupato diverse persone.

Secondo quanto riportato da Autonews, pare che questa tendenza sia destinata a continuare in futuro dal momento che il Governo cinese potrebbe tagliare nuovamente gli incentivi per l’acquisto di vetture a zero emissioni a partire dal nuovo anno.

Auto elettriche Cina incentivi
Auto elettriche, il mercato cinese è fra i più importanti al mondo

Auto elettriche: il governo cinese potrebbe limitare ancora una volta i sussidi per l’acquisto di vetture a zero emissioni

La Cina ha deciso di lanciare per la prima volta gli incentivi per le auto completamente elettriche nel 2009. In 10 anni, il mercato cinese delle auto elettriche ha registrato una crescita sempre maggiore, almeno fino a quando le risorse sono state tagliate nel 2015.

Per fortuna, parliamo al momento soltanto di supposizioni poiché il Governo cinese si troverebbe ancora in una fase di decisione. Ciò significa che alla fine i sussidi potrebbero non essere tagliati. Questo perché la Cina considera il mercato dei veicoli full electric parecchio importante.

Auto elettriche Cina incentivi

Inoltre, prevede che il 60% di tutte le auto vendute nel paese dovranno avere un propulsore elettrico entro il 2035. Autonews fa notare che, negli ultimi quattro anni, i tagli effettuati agli incentivi per l’acquisto di auto elettriche, ibride plug-in e a idrogeno sono stati sempre fatti in modo casuale e irrispettoso nei confronti del piano prefissato.

Ad esempio, l’ultimo taglio è avvenuto a giugno di quest’anno. In questo caso, i sussidi si sono dimezzati, passando da 14.000 dollari a 7000 dollari per ogni vettura. Non ci resta che aspettare le prossime settimane per vedere se la Cina applicherà un ulteriore crop ai fondi oppure ci ripenserà.