in

Salone di Padova 2019: Maserati 3500 GT di Fangio in mostra

A “contorno” la Ferrari Daytona e tante altre auto d’epoca

Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova 2019

Quella in programma dal 24 al 27 ottobre 2019 sarà uno scoppiettante – il 36esimo – Salone Auto e Moto d’Epoca di Padova. Ci saranno il percorso Arts&Crafts, concepito per esplorare arte, abbigliamento di altissima qualità, artigianato e design a tema motori, e come sempre i commercianti, ovvero i lotti dell’Asta Finarte, una delle principali di settore. Si preannunciano numerosi partecipanti: oltre 5mila i veicoli storici, in aggiunta musei quali Mauto e Nicolis, oltre ai tanti Club e Registri storici.

Salone di Padova: cimeli storici in esposizione

Per chi è un cultore delle quattro ruote e un appassionato della loro storia,  un appuntamento irrinunciabile in un luogo unico, dov’è possibile ammirare le Ferrari Daytona, autentiche leggende del Cavallino, le favoloso Bentley e Rolls-Royce degli anni Venti, le Mercedes 300 SL con le sue caratteristiche “ali di gabbiano”. Ma non è tutto, infatti nella kermesse della città veneta vi sarà spazio per tante altre vetture, dalle berline alle utilitarie, che hanno lasciato una forte impronta in passato e che riescono a rievocare la memoria collettiva.

Il MAUTO di Torino esporrà anche una Italia 35/45 HP che conquistò l’incredibile raid da Pechino a Parigi nel 1907, attraverso, in appena 60 giorni, un impervio percorso costituito da deserti e mulattiere, lungo oltre 16mila km; mentre il museo Nicolis di Verona sfoggerà una Lancia Flaminia “Super Sport Zagato” del 1965. Modelli straordinari che arricchiscono l’evento.

Rispetto all’edizione precedente lo spazio per i commercianti aumenta notevolmente: avranno a disposizione ben 2mila mq supplementari, all’interno del padiglione 15. Inoltre, sarà presente Finarte, specializzata in oggetti da collezione dal 1959. La casa d’arte metterà in esposizione auto e articoli rari e preziosi per l’intera durata del salone: batterà soprattutto venerdì 25 la “barnfind” Maserati 3500 GT Touring chassis no. AM101*1714* del 1961, che Juan Manuel Fangio guidò durante i suoi periodi trascorsi in Italia.

Oggetti da collezione prestigiosi

Al solito, sarà permesso acquistare numerosi ricambi per auto d’epoca, con specialisti del settore, pure per Ferrari a partire dagli anni Cinquanta. Per la maggiore kermesse nazionale di memorabilia una sfilza infinita di documenti e accessori storici, opere d’arte e cimeli sportivi.

Tra i padiglioni aggiuntivi, infine, un vasto assortimento di oggetti di design, accessori e capi d’abbigliamento di elevatissima fattura: si potranno reperire bauli d’epoca Louis Vuitton, nonché una limitatissima selezione di foulard di seta realizzati negli anni Cinquanta su commissione dei brand automobilistici a stilisti e atelier prestigiosi quali Giugiaro, Hermes e Ferragamo.