in ,

Jeep Wrangler 3.0 D 2020: ecco ulteriori dettagli sul nuovo EcoDiesel V6

L’EcoDiesel V6 della Wrangler si differenzia da quello per il Ram 1500 in un paio di cose

Jeep Wrangler Fiat 124 Spider premio 5-Year Cost to Own Kelley Blue Book

In occasione dell’evento State Fair of Texas, Jeep ha esposto la versione con motore EcoDiesel V6 da 3 litri della sua Jeep Wrangler. TFLnow ha avuto la possibilità di scambiare due chiacchiere con un portavoce del marchio automobilistico americano circa le differenze tra il propulsore presente sotto il cofano dell’iconico fuoristrada e il turbodiesel utilizzato sul Ram 1500.

L’aspirazione e lo scarico sono le differenze più evidenti fra i due propulsori, motivo per il quale la coppia è stata ridotta di 51 nm rispetto al pick-up. Dunque, la Jeep Wrangler EcoDiesel V6 2020 propone una potenza di 260 CV e 600 nm di coppia massima, proponendo la migliore efficienza in termini di consumi di qualsiasi altra versione del 4×4 venduta negli Stati Uniti.

Jeep Wrangler Renegade Canadian Black Book Best Retained Value Awards 2019
Jeep Wrangler

Jeep Wrangler: un video svela nel dettaglio le caratteristiche del motore EcoDiesel V6 da 3 litri

In Europa, la Jeep Wrangler è già disponibile con un motore turbodiesel a 4 cilindri interamente in alluminio che è molto simile nel design a quello presente nell’Alfa Romeo Giulia 2.2 JTDM. Sulla Wrangler Unlimited e disponibile solo con il cambio automatico a 8 rapporti TorqueFlite, il 3.0 D potrebbe costare fino a 4995 dollari in più rispetto alla versione con il Pentastar V6 da 3.6 litri.

Ad inizio mese, Car & Driver ha dichiarato che il propulsore diesel verrà proposto con gli allestimenti Sport a 4 porte, Rubicon e Sahara. Purtroppo, al momento non conosciamo ancora i numeri circa il consumo di carburante poiché verranno annunciati dal brand di FCA più in avanti ma sicuramente saranno superiori rispetto ai modelli equipaggiati dai propulsori V6 da 2 litri e 4 cilindri in linea da 3.6 litri.

La terza generazione del powertrain EcoDiesel V6 sarà abbinato al sistema Start & Stop che consentirà di ottimizzare i consumi e le emissioni di CO2. Rispetto alla seconda generazione, gli ingegneri di Fiat Chrysler Automobiles hanno apportato varie migliorie come ad esempio l’implementazione di un turbocompressore di nuova generazione raffreddato ad acqua con turbina a geometria variabile che ha permesso di aumentare l’efficienza e la reattività in determinate condizioni.