in

Fiat: ecco perchè il celebre marchio italiano sta soffrendo in USA

Fiat deve fare i conti con un futuro difficile negli Stati Uniti, meno di un decennio dopo il suo tentativo di ritorno

Fiat Logo News
Fiat

Fiat deve fare i conti con un futuro difficile negli Stati Uniti, meno di un decennio dopo il suo tentativo di ritorno. Il marchio automobilistico italiano sta soffrendo per le vendite estremamente basse in un mercato che ha sempre meno interesse per le minuscole auto che hanno reso famoso il marchio torinese. Nel 2018, Fiat ha venduto poco più di 15.000 auto negli Stati Uniti, in calo da un massimo nel 2014 di oltre 46.000. Quando il marchio è tornato negli Stati Uniti nel 2010 dopo 27 anni di assenza, Fiat Chrysler e Sergio Marchionne, che ha ricoperto il ruolo di CEO, avevano sperato di vendere almeno 50.000 auto della principale casa italiana nel solo primo anno.

Al centro di questa strategia c’era la Fiat 500, una city car piccola ma elegante che fu inventata negli anni successivi alla seconda guerra mondiale come un’auto pratica per le masse d’Europa. Nel corso degli anni, la 500 è diventata una sorta di leggenda del design automobilistico, guadagnandosi persino un posto nella collezione del Museum of Modern Art di New York. “Credo che Marchionne volesse che la Fiat 500 fosse la Volkswagen Beetle del marchio italiano,” ha affermato Jeff Schuster, presidente delle previsioni globali per LMC Automotive. “Ha una storia, ha un seguito in tutto il mondo. Non è solo un’altra piccola auto. Il marchio voleva connettersi con quegli acquirenti che ricordano la storia della 500.”

Ma la vettura italiana non ha avuto un impatto simile a Beetle in USA. Non ha aiutato il fatto che i veicoli di Fiat hanno guadagnato recensioni negative e valutazioni non-stellari da gruppi come Consumer Reports e JD Power e il mercato automobilistico statunitense inoltre negli ultimi tempi ha fatto uno spostamento senza precedenti verso pick up, SUV e crossover. Il gruppo FCA ha ripetutamente affermato che non intende abbandonare Fiat negli Stati Uniti

“In Nord America, continuiamo a offrire una gamma completa di auto italiane progettate e divertenti da guidare con consumi assai ridotti”, ha detto in una intervista il rappresentante FCA Bryan Zvibleman. “Come delineato nel nostro piano quinquennale l’anno scorso, Fiat (insieme a Chrysler e Dodge) otterrà il 25% della spesa per investimenti e rappresenterà il 20% dei ricavi netti. Infatti, abbiamo appena lanciato la nostra nuova 500X. Il segmento compatto CUV / SUV è uno dei segmenti in più rapida crescita nel settore. ”

Fiat 500E Elettrica in Ricarica Verde

Ha aggiunto che i risultati di Fiat nei sondaggi sulla qualità continuano a essere distorti da modelli limitati e dimensioni del campione, come nel caso di JJ Power USA, recentemente pubblicato, che ha escluso il marchio nelle classifiche del settore. Fiat potrebbe essere trasformata in un marchio di auto da città elettrificate, ha affermato Schuster. La società commercializza già la 500e, una versione elettrica della 500. Sia l’Europa che gli Stati Uniti si stanno muovendo verso veicoli elettrici e ibridi a lungo termine, ma le dimensioni e il prezzo della gamma di Fiat rendono difficile far crescere molto le vendite. “Penso che le prospettive siano ancora molto limitate e penso che sia davvero difficile aumentare il volume oltre a quota 20.000 o 25.000 unità”, ha detto. ″… Penso che ci sia la possibilità che Fiat si tiri fuori dagli Stati Uniti.”