in

Fiat 500 Elettrica: target di produzione ridotti a causa di problemi con i fornitori

La nuova 500 Elettrica potrebbe essere prodotta con volumi di 50 mila unità all’anno. Il prezzo potrebbe superare quota 30 mila Euro

Fiat 500 Elettrica

Uno dei pochi modelli annunciati dal “Piano Italia” di FCA a novembre e confermati nelle scorse settimane, dopo la revisione del piano industriale che dovrebbe essere ancora in corso, è la Fiat 500 Elettrica, la prima auto a zero emissioni del gruppo che sarà prodotta, a partire da inizio 2020, nello stabilimento di Mirafiori dove sono già stati raggiunti gli accordi con i sindacati per prolungare i contratti di solidarietà sino a fine 2019. 

Dopo aver risolto tutti i problemi amministrativi, FCA starebbe facendo ora i conti con questioni logistiche e tecniche legate all’avvio della produzione della nuova Fiat 500 Elettrica, distante, come detto, quasi un anno. Le linee di produzione nello stabilimento di Mirafiori sarebbero già in fase di preparazione (c’è una nuova piattaforma specifica per auto elettriche da allestire) ma restano i problemi legati ai volumi di produzione realmente raggiungibili considerando anche le potenzialità dei fornitori.

In un primo momento, infatti, FCA avrebbe fissato un target di 80 mila unità all’anno di Fiat 500 Elettrica da produrre a Mirafiori. In questi giorni, l’azienda starebbe valutando un taglio del target, abbassando i volumi di produzione a 50 mila unità prodotte all’anno della nuova city car elettrica del marchio italiano. 

Fiat 500 Elettrica

Il taglio dei volumi di produzione dovrebbe essere affiancato ad un incremento del prezzo di vendita della nuova Fiat 500 Elettrica che, di certo, costerà molto di più della 500 tradizionale anche se, in Italia, potrà essere acquistata sfruttando l’Ecobonus, il nuovo sistema di incentivi statali previsto dal Governo che mette a disposizione sino ad un massimo di 6 mila Euro di sconto (rottamando un veicolo Euro 4 o precedente). 

A frenare i target di produzione della Fiat 500 Elettrica, fissati nelle scorse settimane da FCA, ci sarebbero gli elevati costi di produzioni legati ad una rete di fornitori non ancora in grado di garantire quantitativi sufficienti di batterie ed altra componentistica. Secondo le prime indiscrezioni, i problemi di fornitura sarebbero alla base dell’incremento del prezzo di vendita della Fiat 500 Elettrica. 

La nuova city car di casa Fiat potrebbe arrivare in concessionaria, a partire dalla prima metà del 2020, con un prezzo di listino pari a circa 30 mila Euro (forse anche qualcosa in più). L’Ecobonus servirebbe a poco garantendo un taglio del prezzo inferiore al 20% che non renderebbe particolarmente conveniente l’acquisto della nuova 500 Elettrica. 

E’ importante sottolineare che la nuova Fiat 500 Elettrica prodotta a Mirafiori sarà esportata in tutta Europa e, molto probabilmente, anche in diversi altri mercati internazionali. Potenzialmente, la vettura potrebbe raggiungere dei buoni risultati di vendita ma il prezzo alto e l’impossibilità di incrementare, più di tanto, la produzione potrebbero rappresentare degli ostacoli significativi, sul lungo termine, per FCA. 

“Piena occupazione” a rischio a Mirafiori?

Il gruppo FCA, dopo aver annunciato l’avvio della produzione della Fiat 500 Elettrica a Mirafiori, ha confermato che la nuova city car elettrica garantirà la “piena occupazione” per lo stabilimento torinese, un obiettivo che, sino a pochi mesi fa, sembrava praticamente impossibile considerando la fine della produzione della MiTo ed i ridotti volumi di vendita (rispetto alle attese) del Levante. 

Le indiscrezioni sui problemi di produzione della Fiat 500 Elettrica, che come detto potrebbero ridurre i target, almeno per i primi anni, potrebbero mettere a rischio l’obiettivo della piena occupazione. Dario Basso della Uilm Torino ha sottolineato come, per ora, l’azienda non abbia rilasciato alcuna comunicazione ufficiale dopo la conferma della produzione della 500 Elettrica “Per quanto ci riguarda il piano industriale è confermato. Non abbiamo avuto nessuna comunicazione ufficiale contraria. Attendiamo solo che si mettano a terra i progetti e la destinazione dei modelli”

La presentazione ufficiale della nuova Fiat 500 Elettrica è ancora lontana. Il gruppo FCA ha, quindi, tutto il tempo per procedere con i lavori di pre-produzione e tentare di risolvere le difficoltà legate ai fornitori ed al costo della city car. E’ chiaro che la nuova 500 Elettrica giocherà un ruolo fondamentale sia per il marchio Fiat (e per tutto il gruppo FCA), che si prepara ad entrare nel mondo della mobilità elettrica, sia per lo stabilimento di Mirafiori e per tutto l’indotto e l’economia locale. Ulteriori aggiornamenti sulla questione arriveranno, di certo, nelle prossime settimane. 

Fonte