in ,

FCA: a Mirafiori ci sarà la “piena occupazione” grazie alla Fiat 500 Elettrica

I sindacati confermano che, secondo FCA, la 500 Elettrica porterà alla piena occupazione a Mirafiori

Fiat 500e

Torna il mito della “piena occupazione” per gli stabilimenti italiani di FCA ed, in particolare, per lo stabilimento di Mirafiori dove, da inizio 2020, prenderà il via la produzione della Fiat 500 Elettrica che si affiancherà al Maserati Levante, l’unico modello attualmente prodotto nello stabilimento piemontese dove è stata appena annunciata la cassa integrazione straordinaria per oltre 3 mila addetti per la durata di un anno.

Stando a quanto conferma la Uilm di Torino, FCA ha garantito ai sindacati che l’avvio della produzione della Fiat 500 Elettrica permetterà di raggiungere la piena occupazione nello stabilimento di Mirafiori e, più in generale, le polo torinese che comprende anche il sito di Grugliasco dove non sono previste novità, oltre alla Ghibli ed alla Quattroporte (in attesa del debutto delle versioni elettrificate).

Considerando le dichiarazioni dei sindacati, possiamo ipotizzare che FCA abbia enormi aspettative per il progetto della Fiat 500 Elettrica. La versione a zero emissioni della 500 riprenderà il design dell’attuale modello ma sarà basata su di una piattaforma inedita, sviluppata per i modelli elettrici, che potrà essere sfruttata, in futuro, anche per altri modelli di cui il gruppo non ha fatto menzione.

fiat 500e

E’ importante sottolineare, in ogni caso, che almeno per il momento FCA non ha rilasciato dettagli sul progetto della Fiat 500 Elettrica. La versione elettrica della 500 che verrà prodotta a Mirafiori dovrebbe essere esportata, gradualmente, in tutti i principali mercati internazionali. Il modello potrebbe rappresentare, quindi, un’aggiunta importante alla line-up di Fiat oltre che in Europa anche in altri mercati come, ad esempio, il Nord America.

Oltreoceano, Fiat sta faticando non poco e potrebbe ritagliarsi uno spazio importante nel mercato delle auto elettriche grazie alla nuova Fiat 500 Elettrica che andrà a sostituire l’attuale Fiat 500E, il modello a zero emissioni, prodotto da FCA solo per rispettare le normative di alcuni stati americani, che, come dichiarato a suo tempo da Marchionne, veniva venduto in perdita dal gruppo.

Altri progetti in arrivo per Mirafiori?

Al momento, a Mirafiori non sono previsti ulteriori modelli. Il nuovo “Piano Italia” di Manley, infatti, non include l’Alfa Romeo E-SUV, il modello, definito da Marchionne come “la sorella del Maserati Levante” che, come ipotizzavano diverse fonti, doveva essere il primo modello di nuova generazione per il nuovo piano industriale di Alfa Romeo.  Per Mirafiori si parlava anche della produzione della Fiat 500 Giardiniera, una versione cinque porte della 500, di cui, dopo l’incontro con i sindacati della scorsa settimana, si sono perse le tracce.

Ad espandere la produzione di Mirafiori potrebbe esserci anche la variante ibrida del Maserati Levante che, in ogni caso, dovrebbe dare un apporto minimo alla crescita dei livelli produttivi dello stabilimento torinese. Per il momento in ogni caso, non ci resta che attendere l’arrivo di ulteriori dettagli “ufficiali” sul progetto della Fiat 500 Elettrica.

Fonte


Written by Davide Raia

Appassionato di tecnologia e motori da sempre, editor e blogger, scrivo sul web da più di dieci anni. Ho collaborato con diverse testate online, occupandomi di temi differenti ma senza mai abbandonare il mondo dei motori ed, in particolare, il settore auto che ormai seguo quotidianamente con l’obiettivo di scoprire news e curiosità su tutti i nuovi modelli in arrivo. Nel tempo libero leggo, monto e smonto PC e cambio smartphone con troppa frequenza. Prossimo obiettivo: acquistare un’auto elettrica.