in ,

Maserati: nel 2018 vendite in calo del 32%

Ecco i risultati del 2018 di Maserati

Maserati risultati 2018

Come abbiamo visto in queste ore, FCA ha appena pubblicato il report finanziario relativo al quarto trimestre del 2018. I risultati del gruppo lasciano ben sperare per il futuro anche se le notizie negative non mancano di certo. Uno degli aspetti più negativi del nuovo report del gruppo FCA è rappresentato dai risultati di Maserati nel 2018. Il marchio del Tridente, infatti, ha fatto registrare, come ampiamente prevedibile analizzato i risultati dei primi tre trimestri dell’anno, un netto passo indietro nelle vendite legato a diversi fattori. 

Nel corso del quarto trimestre del 2018, ovvero nel periodo compreso tra ottobre e dicembre, Maserati ha venduto 8.900 unità in tutto il mondo registrando un calo di oltre il 40% rispetto ai risultati ottenuti nello stesso trimestre dello scorso anno. Per effetto di questo pessimo trimestre, Maserati chiude il 2018 con un totale di 34.900 unità vendute in tutto il mondo evidenziando un netto passo indietro rispetto allo scorso anno.

Maserati risultati 2018

Nel 2017, infatti, Maserati raggiunse quota 51.500 unità vendute registrando il suo record storico su base annuale ed avvicinandosi al target fissato dal piano industriale presentato da FCA più di cinque anni fa che fissata per Maserati l’obiettivo di 75 mila unità vendute poi aggiornato a 70 mila un paio d’anni fa. In termini percentuali, il calo di Maserati nel confronto tra il 2017 ed il 2018 è pari al 32%. In pratica, il marchio del Tridente ha venduto la metà delle unità che avrebbe dovuto vendere secondo il precedente piano industriale. 

Come è possibile leggere dal report finanziario di FCA, il calo delle consegne di Maserati è legato ai minori risultati ottenuti in Cina ed “in altri mercati chiave” del marchio. FCA non fa riferimenti espliciti e non fornisce cifre dettagliate sull’andamento di Maserati nei suoi principali mercati. Il gruppo sottolinea, inoltre, un generale calo della domanda nei segmenti di mercato in cui è presente Maserati come fattore aggiuntivo che ha contribuito al calo delle vendite del brand del Tridente. 

Il calo delle consegne si traduce, per Maserati, in un calo dei ricavi netti. Nel 2018, infatti, Maserati ha registrato ricavi netti per 2,6 miliardi di Euro con un calo del 34% rispetto ai risultati ottenuti dal brand nel corso del 2017. In calo del 73% l’EBIT adjusted che risulta pari a 151 milioni di Euro mentre il margine EBIT adjusted passa dal 13,8% al 5.7%.

Maserati risultati 2018

Maserati: ecco le novità future

I risultati del 2018 rappresentano una notizia negativa, ma non certo inaspettata, per Maserati. Il brand del Tridente, infatti, ha chiuso un anno molto difficile e si prepara a vivere un 2019 di transizione in vista di un futuro che, si spera, potrà garantire risultati decisamente migliori. 

Il piano industriale presentato da FCA lo scorso giugno garantisce a Maserati un gran numero di novità in arrivo ma, come sempre accade quando si parla di FCA, le tempistiche sono tutte da definire. In cantiere ci sono l’Alfieri che, in arrivo in versione Coupé e Cabrio, sostituirà Gran Turismo e Gran Cabrio, e le varianti ibride dei tre modelli in gamma, ovvero Levante, Ghibli e Quattroporte. 

L’espansione della gamma dovrebbe avvenire solo nel 2021 con il debutto dell’atteso D-SUV che diventerà la nuova proposta entry level del marchio Maserati. Il modello, incluso nel “Piano Italia” presentato a novembre ma ancora in revisione dopo l’approvazione dell’Ecotassa, sarà prodotto  nello stabilimento di Cassino dalla base dell’Alfa Romeo Stelvio. 

Staremo a vedere quali saranno le prossime mosse di Maserati. Il brand potrebbe presentare qualcosa già al Salone di Ginevra di marzo (magari le nuove varianti ibride dei modelli in gamma) mentre il gruppo FCA dovrà lavorare per garantire un miglioramento della rete di vendita e distribuzione in Cina, un mercato dove Maserati ha enormi margini di miglioramento per i prossimi anni. Il prossimo appuntamento con i report sulle vendite di Maserati è fissato per aprile con l’arrivo dei risultati finanziari del primo trimestre 

Fonte