in

Ferrari brevetta tecnologie per un’auto elettrica con tre motori

Due nuovi brevetti della Ferrari sono stati depositati e riguardano una futura auto elettrica con tre motori

ferrari elettrica

Ferrari nel 2025 svelerà la sua prima super car elettrica come confermato dal suo CEO Benedetto Vigna e anche dal suo presidente John Elkann. Nel frattempo dal web arriva la notizia di due depositi di brevetto da parte della casa automobilistica del cavallino rampante che potrebbero riguardare le sue future auto elettriche.

Due nuovi brevetti della Ferrari sono stati depositati e riguardano una futura auto elettrica con tre motori

Infatti una domanda di brevetto pubblicata dall’Ufficio Brevetti e Marchi degli Stati Uniti il ​​21 marzo, e depositata dalla Ferrari lo scorso anno, ci mostra una piccola anteprima di un’auto elettrica a tre motori. Finora nessuna sorpresa e nessuna innovazione particolare, perché è qualcosa che modelli come la Tesla Model S Plaid o la Lucid Air Sapphire, tra gli altri, già possiedono. Tuttavia, il marchio automobilistico di Maranello ha proposto una serie di generatori di suono per ciascuno dei motori, e con  ingressi e uscite vicino a queste macchine elettriche per consentire al suono di raggiungere l’abitacolo.

La prima domanda di brevetto della Ferrari riguarda un sistema audio che utilizza sintetizzatori, una tecnologia già adottata da diversi produttori di auto elettriche. Tuttavia, un altro brevetto descrive un sistema innovativo per generare suoni non emessi dai motori elettrici. Nel secondo brevetto invece lo stesso risultato viene raggiunto attraverso un sistema aerodinamico in cui l’aria che attraversa la carrozzeria della vettura viene convogliata attraverso dei risonatori. Questa soluzione rappresenta un’innovazione unica nel settore degli autoveicoli elettrici, non ancora implementata su nessun modello lanciato fino ad oggi.

Ferrari Elettrica

Questo secondo brevetto, basato sui risonatori, prevede che l’aria possa entrare attraverso la griglia anteriore, o addirittura attraverso una presa d’aria nella parte inferiore del veicolo. Queste tecnologie potrebbero trovare spazio nella futura auto elettrica di Ferrari ma ovviamente non necessariamente. Sono tanti i casi in cui alla fine le tecnologie depositate nei brevetti dalle varie case automobilistiche finiscono per non trovare alcuna applicazione nel mondo reale. Vedremo se sarà anche questo il caso o se alla fine la casa automobilistica del cavallino rampante deciderà di avvalersi di queste tecnologie per i suoi futuri modelli.