in

L’obiettivo di Peugeot è debuttare con un grande risultato nella 24 ore di Le Mans Virtual

Peugeot Sport sta per entrare nel mondo degli Esport. Anche qui Le Mans spicca come fulcro del suo programma

Peugeot

Oltre al suo ritorno a un’intera stagione di gare di durata nel FIA World Endurance Championship (FIA WEC) nel 2023, e a meno di sei mesi dalla fine della 24 Ore di Le Mans di giugno, la gara che ha contribuito a costruire la sua reputazione nella disciplina, Peugeot Sport sta per entrare nel mondo degli Esport. Anche qui Le Mans spicca come fulcro del suo programma, con la 24 Ore di Le Mans Virtual che si profila il 14 e 15 gennaio. L’anno scorso Peugeot ha iniziato a scrivere un nuovo capitolo della sua storia nelle gare di durata in generale e a Le Mans in particolare, quando il team Peugeot 9X8 gestito da Peugeot TotalEnergies è entrato a far parte della classe FIA ​​WEC Hypercar.

In questa stagione, dopo 12 anni di assenza dalla 24 Ore di Le Mans, la casa francese attende con impazienza il ritorno alla più rinomata manifestazione sportiva automobilistica, con l’intento di rilanciare il successo ottenuto nella gara vinta nel 1992, 1993 e 2009. L’impegno di Peugeot nelle gare di durata – partecipando per la prima volta a Le Mans nel 1926 – raggiungerà presto anche il mondo degli Esport attraverso un programma ambizioso.

La terza edizione della 24 ore di Le Mans Virtual si terrà tra il 14 e il 15 e concluderà l’attuale Le Mans Virtual Series (LMVS). Si svolgerà dopo le gare di successo organizzate durante il confinamento nel 2020 e nel 2021/2022. Peugeot ha inserito un’auto nella classe dei prototipi LMP, una delle due categorie della serie virtuale.

Il primo team Peugeot nella storia degli Esport avrà due specialisti e due piloti professionisti. L’americano Gustavo Menezes (28 anni, pilota della PEUGEOT 9X8 Hiperauto n. 94) e Dane Malthe Jakobsen (18 anni, collaudatore Rookie del Team Peugeot TotalEnergies alla 8 Ore del Bahrain lo scorso novembre) si uniranno ai piloti professionisti di sim race francesi Maxime Brient (24 anni) e Valentin Mandernach (18, campione francese iRacing).

Peugeot

Il legame tra le vere corse automobilistiche e gli eSport è ulteriormente rafforzato dal fatto che Maxime Brient guida anche il simulatore DS Penske FIA ​​Formula E World ChampionshipPeugeot ha scelto di gareggiare nella 24 Ore di Le Mans Virtual dal suo quartier generale di Satory, vicino a Parigi, quartier generale del motorsport dei marchi del gruppo Stellantis. Peugeot Sport deve affrontare una forte concorrenza su una griglia che include un lungo elenco di altri produttori, team reali e piloti famosi del mondo delle gare di durata e della Formula 1.

La Virtual 24 Hours of Le Mans utilizza la piattaforma rFactor2, comunemente utilizzata anche dai simulatori di gare reali professionali. In un’operazione di ricerca di talenti interna organizzata da Stellantis Europe, Kevin Lacour, PEUGEOT 9X8 performance engineer , si è distinto per aver stabilito tempi molto vicini ad alcuni dei migliori piloti professionisti, ed è stato invitato a unirsi al team Peugeot Esports insieme ai migliori sim racer .

Looks like you have blocked notifications!