in

Fiat Fastback: ecco in cosa differirà la versione reale dalla concept

A parte il nome e il retro la versione di produzione di Fiat Fastback sarà molto diversa dalla concept car mostrata nel 2018

Fiat Fastback

Nel 2018 al Salone dell’auto di San Paolo, la principale casa automobilistica italiana ha mostrato la concept car di Fiat Fastback. Nei giorni scorsi abbiamo saputo ufficialmente attraverso un teaser che il prossimo nuovo modello di Fiat per il Sud America si chiamerà proprio così. Tuttavia l’auto che nei prossimi mesi debutterà sul mercato avrà differenze piuttosto nette rispetto alla concept car.

Ecco le differenze principali tra versione di produzione e concept car di Fiat Fastback

Il nome Fiat Fastback è stato scelto perché il retro del nuovo prodotto è ispirato al Fastback Concept. Più o meno quello che aveva fatto la stessa Fiat sfruttando le caratteristiche del concept FCC, dal Salone SP 2006, per creare il frontale dell’allora nuovo Palio Weekend Adventure.

Oltre al nome e al tipo di carrozzeria, la versione di produzione di Fiat Fastback riceverà la stessa firma del concept. Ma le somiglianze si fermano qui. Sebbene il prototipo del 2018 fosse basato su Toro, il modello attuale sarà molto più piccolo e utilizzerà la piattaforma MLA di Fiat Pulse.

La nuova vettura di Fiat avrà con la berlina lo stesso rapporto che ha la Pulse con il modello. La piattaforma arriverà dalla berlina Cronos, ma con i rinforzi strutturali ricevuti da Pulse.

Ecco perché ha spesso utilizzato il corpo della berlina Cronos come muli per Fastback. La lunghezza del SUV coupé è molto vicina ai 4,36 m della berlina, avvicinandosi anche ai 4,40 m della Jeep Compass. Questo gli darà un’oscillazione posteriore allungata e un eccellente volume del bagagliaio.

D’altra parte, l’interasse (2.532 mm), i montanti A e B, il parabrezza, i parafanghi anteriori, le porte laterali, il parabrezza, il cofano, i passaruota (comprese le modanature per aumentare la larghezza) e il design della griglia e dei fari proverranno da Pulse.

La parte posteriore estesa richiederà un esclusivo montante C, nonché parafanghi posteriori, paraurti (a entrambe le estremità) e il proprio cofano del bagagliaio. E poiché è il veicolo più lungo, sarà il membro più pesante della famiglia MP/MLA di Fiat. Per questo verrà fornito con sospensioni rinforzate e ruote con cinque punti di attacco.

Sarà inoltre l’unico modello di Fiat, insieme alla Pulse Abarth, ad avere il motore 1.3 GSE T4, 180/185 CV 16V quattro cilindri turboflex (G/E) abbinato al cambio automatico Aisin a sei rapporti. È possibile infatti che la stessa Fiat Fastback disponga in futuro una versione sportiva del marchio Abarth.

Fiat Fastback 2023 progetto digitale render
Fiat Fastback 2023, il render del profilo laterale mostra che il modello sarà molto diverso dalla concept car mostrata da Fiat nel 2018 al Salone di San Paolo

All’interno, Fiat Fastback avrà elementi ancora assenti nei suoi tre fratelli, come una chiave frontale con funzione di avviamento a distanza, freno di stazionamento elettronico, Auto Hold e console centrale con finitura nera lucida. Cruscotto, volante, sedili, quadro strumenti da 7 pollici e sistema multimediale verranno da Pulse.

La presentazione di Fiat Fastback avverrà nella seconda metà dell’anno, mentre la sua produzione sarà effettuata nello stabilimento Stellantis di Betim dove già vengono prodotte auto quali Fiat Pulse, Argo, Mobi e Strada.

Ti potrebbe interessare: Nuova Fiat Panda: nonostante il suo arrivo nel 2024 c’è tensione in Serbia