in

Ecco cosa accadrà a Lancia quando tornerà in Belgio

La casa piemontese ha nominato il Belgio tra i primi paesi in cui tornerà entro la metà del 2024, ecco quali saranno le strategia del brand

Lancia logo

Ieri a Torino c’è stato un appuntamento importante per Lancia. La casa automobilistica piemontese ha infatti ufficialmente confermato i suoi piani strategici per il futuro. In particolare si è parlato del ritorno del marchio in Europa che avverrà nel corso del 2024. Entro la prima metà dell’anno la nuova Ypsilon sarà commercializzata in Germania, Francia, Spagna, Paesi Bassi e Belgio.

Lancia tornerà in Belgio nel 2024 con una dozzina di concessionarie

A proposito del Belgio, l’amministratore delegato della Lancia, Luca Napolitano, ha dichiarato venerdì che al ritorno in Belgio ci sarà inizialmente spazio per una dozzina di concessionarie “nelle aree metropolitane”. Quei concessionari saranno per lo più ospitati presso o vicino ai concessionari degli altri marchi premium di Stellantis: Alfa Romeo e DS.

I primi concessionari di Lancia saranno dunque aperti nel corso del 2024, quando il marchio italiano lancerà una nuova versione della sua city car Ypsilon. Questo è l’unico modello che Lancia vende al momento e solo nel suo mercato interno in Italia. La casa piemontese ha lasciato il mercato belga nel 2016 dopo molti anni in cui le vendite erano ridotte al minimo.

Lancia però adesso ha un’altra possibilità di mettersi alla prova con il gruppo Stellantis. Inoltre, Napolitano ha ricevuto ordini chiari dal CEO di Stellantis Carlos Tavares, il brand dovrà diventare redditizio rapidamente. Entro il 2030, la divisione premium di Stellantis dovrebbe quadruplicare le vendite e quintuplicare i profitti.

Lancia logo
Lancia: la casa piemontese ha nominato il Belgio tra i primi paesi in cui tornerà entro la metà del 2024, ecco quali saranno le strategia del brand

Per ridurre al minimo i rischi, la prima nuova Lancia ad arrivare sul mercato europeo sarà ancora una piccola city car, in contrapposizione con la pretesa del marchio di essere un marchio premium.

Secondo Napolitano, entro il 2026 dovrebbe esserci una vera ammiraglia (elettrica) Lancia, che per il momento viene chiamata Aurelia ma che potrebbe anche utilizzare un altro nome quando finalmente arriverà sul mercato.

A distanza di altri due anni è la volta di una nuova Delta, modello iconico degli anni ’80 con cui Lancia ottiene molti successi nei rally. Napolitano non vuole citare obiettivi specifici di vendita o di profitto, ma si rispecchia in Audi e Mercedes-Benz.

La scelta del Belgio come uno dei paesi in cui per primo il marchio italiano tornerà dipende da una serie di fattori. Tra cui conoscenza del marchio da parte dei clienti, propensione all’acquisto online di auto e predisposizione all’acquisto di auto elettriche.

Ti potrebbe interessare: Lancia Ypsilon Alberta Ferretti a 149 euro al mese con incentivi statali