in

Maserati Mostro Barchetta Zagato: a Villa d’Este la roadster senza tempo

Al Concorso d’Eleganza di Villa d’Este si può ammirare anche un incredibile esemplare della Maserati Mostro Barchetta Zagato.

Maserati Mostro Barchetta Zagato

In occasione del Concorso d’Eleganza di Villa d’Este (20-22 maggio 2022) è possibile ammirare anche la Maserati Mostro Barchetta Zagato. Appartenente alla categoria Concept Car & Prototipi della kermesse, l’incantevole supercar rivisita le roadster del passato in una chiave moderna con performance elevate.

Maserati Mostro Barchetta Zagato: prosegue in grande stile una collaborazione avviata nel 1931

Maserati Mostro Barchetta Zagato

L’esemplare costituisce l’ultimo frutto del lungo sodalizio tra Maserati e Zagato che prosegue dal 1931. Nell’arco dei decenni, le due società hanno realizzato decine di modelli prestigiosi, dalla Maserati 8C 2500 Sport Zagato alla 450S Coupé Zagato.

La Maserati Mostro Barchetta Zagato si rifà proprio a quest’ultima, la quale fu soprannominata The Monster dal pilota Stirling Moss. Lo stesso Moss la commissionò per partecipare alla 24 Ore di Le Mans del 1957. Come il gioiello di allora, della proposta attuale spiccano le forme eleganti e la brutale potenza.

Maserati Mostro Barchetta Zagato

Il look di Maserati Mostro Barchetta Zagato è stato affidato a Norihiko Hara, il vice presidente della sezione design per l’atelier meneghino e trae ispirazione dalle “barchetta” degli anni Cinquanta, con dimensioni contenute, due posti secchi e parabrezza avvolgente. Lo spirito all’avanguardia si denota da particolari quali il telaio in fibra di carbonio e i cerchi in lega da 19 pollici monodado, vestiti da pneumatici da 255/40 R19 all’anteriore e 295/35 R19 al posteriore.

Parlando del cuore pulsante, la Mostro Barchetta Zagato monta motore Maserati nelle versioni 4.2 V8 aspirata da 420 cavalli e 3.0 V6 biturbo da 630 cavalli. Il propulsore è collocato in posizione anteriore-centrale così da ottenere una perfetta distribuzione 50:50 dei pesi sui due assi.

Maserati Mostro Barchetta Zagato

Inoltre, il peso di appena 1.200 chili favorisce l’esuberanza su strada. Sebbene non siano noti gli esatti valori prestazionali, presumibilmente veleggiano intorno alle soglie delle belve GranTurismo e MC20. Sospensioni anteriori e posteriori configurabili di tipo push-rod e il cambio sequenziale meccanico a 6 rapporti con innesti frontali esaltano, poi, l’animo sportivo della Mostro. Dagli stabilimenti usciranno solo cinque unità, personalizzate nei minimi dettagli e già quasi sold-out. Complicato prevedere il prezzo, nonostante la cura pazzesca riposta induca a pensare costerà una vera fortuna. Un “giocattolo” da imprenditori o star del calcio.