in ,

Alfa Romeo MiTo e Fiat Punto: finisce l’epoca delle utilitarie di FCA

Le due vetture del gruppo Fiat Chrysler tra pochi giorni non saranno più prodotte, finisce un’epoca

Per il gruppo Fiat Chrysler Automobiles finisce un’epoca. Nei prossimi giorni infatti, così come ampiamente annunciato negli scorsi mesi, Alfa Romeo MiTo e Fiat Punto non saranno più prodotte. La prima cesserà di essere realizzata con la fine di questa settimana nello stabilimento Fiat Chrysler di Mirafiori. Stessa sorte toccherà anche a Fiat Punto a Melfi entro fine mese. Le due auto sono molto importanti per Fiat e Alfa Romeo. Infatti Punto può vantare nel corso della sua lunghissima storia oltre nove milioni di esemplari venduti in 25 anni di storia. MiTo ha rappresentato insieme a Giulietta la rinascita del marchio automobilistico del Biscione dopo un periodo non particolarmente felice. 

Alfa Romeo MiTo e Fiat Punto ai saluti, le due auto tra pochi giorni diranno addio

La fine di Alfa Romeo MiTo e Fiat Punto dovrebbe dare il via ad un nuovo inizio per il gruppo Fiat Chrysler Automobiles in Italia. Gli stabilimenti del gruppo italo americano nel nostro paese nei prossimi anni saranno riconvertiti diventando luoghi in cui saranno realizzate solo ed esclusivamente auto premium. Si tratta di una strategia fortemente sponsorizzata dal numero uno di FCA, Sergio Marchionne. Questa strategia a lungo andare dovrebbe garantire la piena occupazione negli stabilimenti. Questo sebbene i sindacati non paiono completamente convinti di ciò. 

Alfa Romeo MiTo e Fiat Punto

Con l’addio di Alfa Romeo MiTo e Fiat Punto ci si domanda quali saranno le auto che prenderanno il loro posto. A Mirafiori la linea di produzione di MiTo dovrebbe essere messa a disposizione nei prossimi anni per la produzione di un nuovo Suv Maserati di dimensioni più compatte rispetto al Levante. A Melfi invece, dove nella linea di produzione di Fiat Punto sono impegnati attualmente più di mille dipendenti, non è ancora chiaro cosa accadrà. Più avanti probabilmente verrà specificato quale sarà il veicolo che prenderà il suo posto a Melfi.