in

Valtteri Bottas teme l’affidabilità dell’Alfa Romeo C42

In casa Alfa Romeo, in attesa del primo evento stagionale, secondo Valtteri Bottas bisogna fari i conti con l’affidabilità

Valtteri Bottas

In questa settimana che separa la Formula 1 dall’avvio della stagione 2022, in casa Alfa Romeo si fanno i conti su uno spettro che si è imposto sia a Barcellona che in Bahrain dove la seconda fase di test pre stagionali si è conclusa un paio di giorni fa. Il team italo elvetico era infatti apparso in forte difficoltà a Barcellona dove alcuni problemi di affidabilità avevano relegato il lavoro di Valtteri Bottas, Guanyu Zhou e Robert Kubica ad un set di giri inferiore rispetto a quelli previsti.

La prima giornata di test al Sakhir ha prodotto in casa Alfa Romeo, nel computo di giri percorsi da Bottas e Zhou, un totale di 120 tornate scese ad appena 73 il giorno successivo e risalite a 150 durante l’ultima giornata. Una condizione non indifferente che chiaramente allarma Valtteri Bottas in vista dell’appuntamento di apertura della stagione iridata previsto già per domenica 20 marzo.

Ancora una volta anche sabato, ultimo giorno di test pre stagionali in Bahrain, Valtteri Bottas ha accusato un problema al cambio che è rimasto bloccato in quarta marcia costringendolo praticamente allo stop. L’affidabilità rimane quindi un nodo centrale nel percorso di avvicinamento alla nuova stagione di questa Alfa Romeo C42 che però appare più concreta rispetto alla monoposto che sostituisce: i dati relativi alle performance forniscono sensazioni positive, con il team del Biscione che potrebbe risalire la china riposizionandosi a centro gruppo.

Valtteri Bottas teme l’affidabilità come problematica principale della nuova Alfa Romeo C42

L’approssimarsi del primo Gran Premio stagionale dice che in casa Alfa Romeo il problema da risolvere in tutta fretta si chiama affidabilità. Nonostante il buon complessivo di 150 tornate inanellate durante la terza giornata di test al Sakhir, dato più alto fra i team presenti in pista, l’Alfa Romeo C42 ha bisogno di qualche cura in più.

Secondo quanto discusso da Valtteri Bottas c’è infatti il rischio che l’Alfa Romeo non sia in grado di concludere la distanza di un Gran Premio a partire da quello che si disputerà proprio in Bahrain alla fine di questa settimana. Durante la simulazione di gara di sabato scorso, lo stesso Bottas ha evidenziato qualche problema che secondo il suo punto di vista potrebbe non essere risolto in tempo per ben figurare al primo appuntamento della stagione.

Valtteri Bottas
Valtteri Bottas

L’ex pilota della Mercedes ha infatti ammesso di essere maggiormente fiducioso solamente dopo aver ottenuto contezza del fatto che ogni problema è stato risolto evitando quindi che “si possa ripetere in futuro”. In ogni caso, sin dal debutto a Fiorano quando la nuova Alfa Romeo C42 aveva previsto dei problemi al cambio che avevano fermato Bottas per diverse ore, il team italo elvetico è sempre riuscito a venire a galla dai problemi praticando le corrette soluzioni a disposizione. Ora il finlandese spera “che non ci siano nuovi problemi all’orizzonte”.

Non è quindi un caso che il team principal di Alfa Romeo F1 Team, Frederic Vasseur, aveva ammesso senza troppi giri di parole che ogni volta che si risolve un problema “ce n’è sempre uno dietro l’angolo”. L’Alfa Romeo mostra comunque ottimi riscontri e fa ben sperare, soprattutto guardando ad un metro di paragone che è quello della stagione 2021 quando il team è stato relegato alla penultima piazza nella classifica del Mondiale Costruttori. Il resto lo dirà la pista, già domenica prossima.