in

Fiat 500e: ottimi numeri di vendita all’estero, ma in Italia…

La Fiat 500e non è profeta in patria: mentre in Germania e Francia registra ottimi numeri, in Italia fatica a uscire dalla nicchia.

Fiat 500e

La Fiat 500e registra eccellenti numeri oltre i confini italiani a febbraio. Sia in Germania che in Francia le immatricolazioni sono state oltre mille durante lo scorso mese. Non poche per una vettura abbastanza costosa.

Fiat 500e nemo propheta in patria: bene in Germania e Francia, meno in Italia

Fiat 500e

Sul suolo tedesco, di gran lunga il primo mercato automotive, la 500e è stata scavalcata esclusivamente dalle due Tesla, Model 3 e Model Y. Una medaglia di bronzo in una top ten, dove, per individuare un esponente nazionale, occorre scendere fino alla sesta posizione, presidiata dalla Volkswagen ID.4. Oltretutto è un territorio notoriamente difficile per il Made in Italy, con Fiat che negli anni si è vista sempre più assottigliare la presenza commerciale.

In riferimento alle vetture con la spina è la seconda piazza dietro la Cina, con il 14,1 per cento di market share sul totale delle vendite maturata, nel complesso di poco superiori a 200 mila. In aggiunta, i guidatori non apprezzano solitamente le city car e perciò il risultato rappresenta, a maggior ragione, un successo, consolidando la convincente performance di gennaio. Mese in cui la Fiat 500e è stata la terza elettrica più venduta nel Vecchio Continente.

Fiat 500e

Non ci si può nemmeno lamentare pure relativamente a Francia e Spagna. Quello iberico costituisce un mercato piccolo, in cui la 500e è terza (125 unità), alle spalle della solita Tesla Model 3 (337) e di Kia E-Niro (234).

Degno di nota lo è soprattutto il traguardo tagliato in territorio transalpino, abituato a privilegiare i suoi brand. Qui la 500e ha chiuso a febbraio appena giù dal podio, con 1.028 esemplari piazzati, preceduta da Model 3, Dacia Spring e Renault Zoe. Inoltre, insieme al mezzo della Tesla, è stata colei che ha fatto registrare la crescita più significativa. Ampi sono, invece, i margini di sviluppo in Italia. Pur confermandosi leader, la 500e ha ricevuto appena 509 ordini a febbraio: la metà di Germania e Francia.