in

Ferrari Testa Rossa J: divertimento in scala | Video

Una Sport in formato ridotto, anche se elettrica, può regalare qualche dose di piacere al volante.

La Testa Rossa J è una replica in scala della mitica Ferrari 250 Testa Rossa. Questo modello riproduce la vettura originale al 75% delle sue dimensioni. Costa 93 mila euro: quanto alcune auto sportive blasonate in scala reale. La sua produzione è curata dagli uomini di Little Car Company, in Inghilterra. Il fatto che in questo caso ci sia il sostegno della casa ufficiale si coglie dalle presenza dei loghi del cavallino rampante.

L’azienda di Maranello ha fornito l’accesso ai progetti originali della Ferrari 250 Testa Rossa, per far sì che tutto potesse essere ridimensionato con precisione. Carscoops ha avuto la possibilità di provarla. Il tester dice che l’auto è scattante, pur senza avere la musica del V12 emiliano. Pare che il telaio sia molto buono, garantendo delle buone dinamiche di marcia, oltre che una buona sicurezza passiva. L’esperienza di guida non delude, anzi è molto gratificante, specie considerando il genere.

Un tocco di modernità, su questa replica, giunge dal manettino, che consente di scegliere fra quattro diversi livelli di potenza. Per i bambini è opportuno impostare il meno spinto. La Testa Rossa J (quest’ultima lettera sta per Junior), è indirizzata ai ragazzi delle famiglie più ricche. Il prezzo del giocattolo, infatti, non è per tutte le tasche. Certo, rispetto alla Ferrari 250 Testa Rossa in scala reale la cifra da spendere può sembrare ridicola, ma equivale ad anni di lavoro di un operaio che metta da parte tutto il salario, vivendo in un mondo ideale senza spese.

Serie limitata anche per la piccola

Ferrari Testa Rossa J
Ferrari Testa Rossa J

L’azienda britannica che la costruisce pensa di realizzarne 299 esemplari. Una tiratura limitata per pochi eletti, ma decisamente meno esclusiva della vera Ferrari 250 Testa Rossa. Per animarne le danze è stato scelto un motore elettrico con batterie da 12 kW. Notevole la punta velocistica, che tocca quota 47 miglia orarie (circa 76 km/h).

A contrastarne le danze ci pensano dei freni a disco della Brembo, al posto dei tamburi della vettura storica del “cavallino rampante”. Una piccola licenza, in un quadro di grande fedeltà, che trova sponda anche nel volante in legno Nardi e nei cerchi, perfettamente allineati ai Borrani originali. La carrozzeria è in alluminio battuto a mano, come sulla Ferrari 250 Testa Rossa made in Maranello.

Ferrari 250 Testa Rossa: bella e vittoriosa

Ferrari Testa Rossa J

Questa Sport del 1957 è una delle stelle più brillanti della galassia del “cavallino rampante”. Protagonista dei circuiti fra gli anni ’50 e ’60, vanta a dir poco un palmarès e una longevità sorprendenti. Sono 18 le vittorie collezionate nella sua storia dalla 250 Testa Rossa; tre i campionati marche conquistati nel 1958, 1960 e 1961. Si aggiunge un altro primato: lei è stata l’unica Ferrari ad aver vinto per quattro volte la 24 Ore di Le Mans nel 1958, 1960, 1961 e nel 1962 (considerando la sua ultima evoluzione 330 TRI/LM). Numeri che la posizionano al vertice tra le Ferrari più celebrate di sempre.

La Testa Rossa J nasce da un progetto speciale, per condividere il sogno con i giovani ferraristi. Non è omologata per l’uso su strada e può essere guidata a partire dai 14 anni di età. Le sue forme si ispirano a quelle della declinazione più nota della Ferrari 250 Testa Rossa: musa è stata infatti la prima versione, con carrozzeria barchetta di tipo “pontoon fender” scolpita da Scaglietti, che scelse questa soluzione per aiutare il raffreddamento dei freni. La cura del dettaglio è senza pari sulla Testa Rossa J. Facile innamorarsi di questo “giocattolo”. Le tre batterie del motore elettrico sono posizionate nella parte anteriore della vettura e garantiscono nel complesso circa 90 km di utilizzo.

Ferrari Testarossa

Fonte | Carscoops

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento