in ,

Fiat 600T Fissore: all’asta un pezzo unico

Catawiki ha posto all’asta in questi giorni un interessante, quanto raro, Fiat 600T Fissore con una storia molto particolare alle spalle

Catawiki ha posto all’asta in questi giorni un interessante, quanto raro, Fiat 600T Fissore con una storia molto particolare. L’interessante pulmino appartiene infatti allo schermitore olimpico, di Modica, Giorgio Avola. Parliamo di un modello molto raro, oggi praticamente introvabile, acquistato nel 1970 proprio in una concessionaria di Modica in provincia di Ragusa. Il Fiat 600T Fissore venne utilizzato fino al 1978, ma dovendo combattere con molteplici problemi di surriscaldamento venne successivamente abbandonato e poi “murato” in un edificio di Marina di Modica.

Per più di quarant’anni è rimasto quindi fermo e immobile, per ritornare in vita solamente quando l’edificio che lo ospitava (quasi gelosamente) venne demolito e il figlio del suo unico proprietario decideva di venderlo. Dal dicembre del 2019 il pulmino Fiat 600T Fissore appartiene infatti a Giorgio Avola, che in una storia lunga oltre quarant’anni è esattamente il secondo proprietario.

Fiat 600T Fissore

L’interessante e rara versione del Fiat 600T carrozzata da Fissore rappresenta un modello oggi praticamente introvabile. Rispetto alle versioni tradizionali disponeva di un tetto leggermente differente, dotati di scanalature longitudinali in luogo di quelle canoniche trasversali. Inoltre permetteva di avere le doppie porte a battente anche sul lato sinistro, introducendo una prerogativa ulteriore rispetto alla variante di serie.

Il pulmino Fiat 600T Fissore è quasi nuovo

Il pulmino proposto ora all’asta da Catawiki (c’è tempo fino al 17 dicembre per fare un’offerta) dispone di soli 43mila chilometri, ma anche di documenti e manuali originale oltre che di un propulsore perfettamente funzionante. Si tratta di un Fiat 600T adibito al trasporto di otto passeggeri di seconda serie (prodotto dal 1964) e potrebbe essere l’ultimo esemplare oggi rimasto dotato di carrozzeria Fissore. L’azienda disponeva di stabilimenti a Savigliano, nel cuneese, già nel 1962 quando venne lanciato il primo Fiat 600.

Fiat 600T Fissore

Oggi il Fiat 600T proposto all’asta, si trova a Roma e viene valutato con stime che vanno da 18mila a 25mila euro. Il veicolo è stato sottoposto da Giorgio Avola ad un restauro conservativo utile per preservare la carrozzeria da ulteriore insorgenze di ruggine, così come gli interni che sono stati rimessi a nuovo. La carrozzeria mantiene la colorazione originale “Bianco 207 Fissore” e mantiene anche insorgenze di ruggine che introducono e mantengono uno stile vissuto, ma comunque piacevole. Gli interni e anche le dotazioni meccaniche rimangono quelli presenti in origine.

Fiat 600T Fissore

Gli interventi sul propulsore hanno previsto la sostituzione della guarnizione della testata, la revisione dell’impianto di raffreddamento ma anche di quello frenante e del carburatore. Sostituto lo scarico e i pneumatici che rimangono però i CEAT con dettagli molto simili a quelli originali dell’epoca, ormai introvabili. Potrebbe risultare un ottimo affare.

Looks like you have blocked notifications!