in

Alfa Romeo: tra Pomigliano e Tychy si gioca il suo futuro

Alfa Romeo Tonale e Brennero sono due modelli fondamentali per il futuro del marchio milanese: dal loro successo dipende il futuro del brand

Alfa Romeo

Come sappiamo nel futuro di Alfa Romeo ci saranno tanti nuovi modelli. Il CEO Jean-Philippe Imparato ha confermato che verranno lanciate 5 nuove auto nei prossimi 5 anni, una media di una vettura nuova all’anno. La verità però è che il futuro della casa automobilistica del Biscione lo decideranno le prime due auto che il marchio milanese lancerà sul mercato nel 2022 e nel 2023.

Il successo di Alfa Romeo Tonale e Brennero fondamentale per il rilancio del Biscione

Il riferimento va ovviamente ai due SUV compatti Alfa Romeo Tonale e Brennero. Infatti non ci vuole molto a capire che nei prossimi anni la quasi totalità delle immatricolazioni del brand premium di Stellantis arriveranno proprio da questi due attesi modelli.

Essi infatti si andranno a collocare nei due segmenti di mercato che in Europa vanno per la maggiore in questa fase storica. Questo di conseguenza significa che Alfa Romeo con questi due veicoli non può assolutamente fallire.

Per questo tra gli addetti ai lavori si suole dire che il futuro di Alfa Romeo nei prossimi anni si giocherà tra Pomigliano e Tychy, le due fabbriche in cui le vetture del Biscione saranno prodotte rispettivamente a partire dal 2022 Tonale e 2023 Brennero.

Per questo nello sviluppo e nella realizzazione di queste due auto Alfa Romeo sta mettendo il massimo impegno con Jean-Philippe Imparato che ha detto chiaramente ai suoi collaboratori e a tutti coloro che stanno lavorando a queste due auto che questa volta non è ammesso il minimo errore. Tutto deve essere progettato alla perfezione.

SUV Alfa Romeo Tonale
Alfa Romeo Tonale e Brennero sono due modelli fondamentali per il futuro del marchio milanese: dal loro successo dipende il futuro del brand

Se le cose dovessero andare come tutti ci aspettiamo, allora per Alfa Romeo si potrebbero aprire scenari fin qui impensabili con l’arrivo di numerosi nuovi modelli destinati a riportare il marchio del Biscione nell’élite mondiale del settore auto.

Ricordiamo che secondo le previsioni, la produzione di Alfa Romeo Tonale dovrebbe essere di circa 100 mila unità all’anno e quella di Brennero di 120/140 mila. Almeno così si diceva fino ad alcuni mesi fa.

Dobbiamo però anche dire che questi numeri sono suscettibili di modifiche in quanto Imparato vuole evitare che vengano prodotte più unità di quanto il mercato richieda, quindi molto dipenderà dal numero di ordini che i concessionari di Alfa Romeo riceveranno.

Insomma se si vorrà acquistare una di queste auto difficilmente si potrà approfittare delle Km zero come invece avviene molto spesso attualmente con le auto del Biscione.

Quello che è sicuro è che per Alfa Romeo già nel corso dei prossimi 2 o 3 anni si capirà quale sarà l’andazzo e di conseguenza se il futuro del marchio sarà sereno o a tinte fosche.

Ti potrebbe interessare: Nuova Alfa Romeo Stelvio: nuove idee per la futura versione del primo SUV nella storia del Biscione

Looks like you have blocked notifications!